Ilva, appello di Peacelink a Conte: “Benzene e polveri sottili continuano ad aumentare a Taranto”

“Gentile Presidente, lei ha recentemente annunciato di volersi recare di nuovo a Taranto. Inoltre lei si è recato a Londra a incontrare Mittal per convincerlo a rimanere a Taranto e a continuare a produrre. Domani 7 febbraio ci sarà l’udienza in Tribunale a Milano​ e il governo – per bocca dei Commissari ILVA – continuerà a chiedere ad ArcelorMittal la prosecuzione della produzione quando tutti i dati di evidenza scientifica indicano che ciò costituisce un pericolo”. Inizia così la lettera aperta scritta da dal professor Alessandro Marescotti, presidente di Peacelink al premier Giuseppe Conte. Peacelink, è bene ricordarlo è l’associazione che per prima ha documentato l’inquinamento ambientale prodotto dall’Ilva. E Marescotti ancora una volta snocciola dati che, a suo parere, Conte non può ignorare e che dimostrerebbero come, nonostante l’attenzione sullo stabilimento di Taranto “sono evidentissimi e confermano che ​state forzando ArcelorMittal a inquinare esponendo migliaia di persone a un rischio inaccettabile​, cosa a dir poco assurda”

Scrive il presidente di Peacelink: “E’ necessario sottolineare chiaramente che – dopo le sue visite a Taranto – le cose non sono migliorate: sono anzi nettamente peggiorate”. E prosegue: “gli abitanti di Taranto vedono un peggioramento delle emissioni inquinanti​. In particolare aumentano quelle cancerogene. Lo stanno denunciando vari cittadini postando foto e video sui social. Con questa lettera vogliamo documentare che quei cittadini hanno ragione: l’inquinamento sta aumentando e la situazione peggiora non solo a vista d’occhio: ​i dati Arpa degli ultimi tre mesi sono schiaccianti​. Lei di questo è bene che abbia informazione perché ​il suo governo a marzo sarà chiamato a rispondere in sede europea della (mancata) applicazione della sentenza di condanna della Corte Europea dei Diritti Umani (CEDU)​. Era una condanna perché lo Stato non aveva protetto i cittadini di Taranto. Con questa lettera potrà avere la conferma che ​lo Stato a Taranto continua a non proteggere migliaia di cittadini esposti a un rischio sanitario non accettabile​ e anzi tende ad aggravare la situazione forzando la prosecuzione di una produzione pericolosa e inquinante”.

Livelli record di benzene cancerogeno

Documenta Marescotti: “Il giorno 21 gennaio 2020 il benzene ha raggiunto il picco ​10,8 microgrammi a metro cubo nel quartiere Tamburi​. Il dato è stato registrato dalla​ centralina Arpa di via Orsini​. Il benzene è classificato come “cancerogeno per l’uomo” dallo IARC nel gruppo 1. ​Valori così elevati di benzene non si erano mai visti in quella centralina​ di recente installazione”.

E non è che negli altri quartieri, anche più distanti dall’impianto, le cose vadano meglio. Marescotti inserisce nella lettera aperta a Conte anche un grafico del benzene misurato nell’altra centralina “tradizionale” del quartiere Tamburi: la centralina di via Machiavelli. Il picco mensile (quello di gennaio) ha sfiorato i 7 microgrammi a metro cubo, “valore mai raggiunto neppure ai tempi dei Riva (la comparazione è con i mesi di gennaio degli anni precedenti). Al tempo dei Riva il benzene arrivava al massimo a 5 microgrammi a metro cubo con i picchi” spiega il presidente di Peacelink.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

Le polveri sottili aumentano

Dal benzene alle polveri sottili la situazione non va meglio nel quartiere Tamburi di Taranto. Scrive Marescotti a Conte: “Nello scorso novembre la media del PM 2,5 era ​9​ microgrammi a metro cubo nel novembre 2019 per poi passare a ​11 ​nel dicembre 2019 e per arrivare a ​20​ nel gennaio 2020 segnando un aumento del +28% (da novembre a dicembre) e poi un balzo del 76% (da dicembre a gennaio). Tali polveri sottili sono ancora più pericolose a Taranto per la loro qualità chimica, in parte derivante dall’origine industriale delle stesse”.

Un buon padre di famiglia

Alessandro Marescotti chiude la lettera aperta con un appello a Giuseppe Conte: “Lei, che è docente di diritto, sa che lo Stato deve incarnare ​almeno la diligenza​ del “buon padre di famiglia”. Ma che buon padre di famiglia è quello che ​espone i suoi figli a un rischio sanitario inaccettabile​? Lei farebbe così con i suoi figli? Noi nel frattempo a Taranto scenderemo in piazza il 26 febbraio, perché le madri e i padri non abbandonano mai i loro figli”.