L’allarme dei pediatri Usa: i sostituti dello zucchero nascosti nel cibo per bambini

“Se sei un genitore che cerca di limitare lo zucchero ed evitare sostituti dello zucchero, come il sucralosio, nelle diete dei tuoi figli, fare scelte informate potrebbe essere una sfida”. A scriverlo è ConsumerReports, che racconta le preoccupazioni espresse recentemente di pediatri Usa. “La ricerca ha dimostrato che, grazie in parte al linguaggio delle etichette fuorviante, i genitori non sono sempre sicuri di quali prodotti contengano sostituti dello zucchero e quali no, e tra le lacune rimangono nella nostra comprensione come questi dolcificanti possano influenzare i bambini” scrive Cr. Attualmente ci sono otto dolcificanti non zuccherati approvati per l’uso dalla Food and Drug Administration. Sono: saccarina, aspartame, acesulfame-potassio, sucralosio, neotame ,vantame, stevia e luo han guo (frutto del monaco).

L’etichetta poco chiara

Nel tentativo di chiarire la confusione e promuovere la trasparenza, l’American Academy of Pediatrics (Aap) ha pubblicato una nuova dichiarazione politica e sul consumo di sostituti dello zucchero (chiamati anche dolcificanti non nutritivi) da parte dei bambini. Già, circa un quarto dei bambini negli Stati Uniti consuma edulcoranti non nutritivi, secondo i dati più recenti dello National Health and Nutrition Examination Study (NHANES). L’80% di questi bambini lo fa quotidianamente. E i numeri potrebbero essere in aumento. A partire da gennaio, i produttori dovranno includere la quantità di zuccheri aggiunti che un prodotto contiene sull’etichetta dei Valori nutrizionali. “È possibile che un maggior numero di produttori aggiunga sostituti dello zucchero, insieme allo zucchero, per ridurre il numero di zuccheri aggiunti e renderlo più attraente per i consumatori”, afferma Amy Keating dietista di Consumer Reports.

Dati incerti

La nuova dichiarazione politica dell’Aap sintetizza alcune delle prove attuali sui potenziali benefici e rischi di questi additivi e richiede ulteriori ricerche. Il gruppo raccomanda inoltre che le etichette dei prodotti elenchino chiaramente la quantità di edulcoranti non nutritivi contenuti in un alimento o in una bevanda, cosa che attualmente non è richiesta dalle normative di etichettatura esistenti. “Dobbiamo sapere quanto i bambini ne stiano effettivamente consumando per fare ricerche più accurate sui possibili benefici o rischi degli edulcoranti non nutritivi”, afferma Carissa Baker-Smith, autrice principale della dichiarazione Aap e professore associato di pediatria, divisione di cardiologia pediatrica, presso la School of Medicine dell’Università del Maryland a Baltimora. “E vogliamo che i genitori siano informati su cosa c’è nei prodotti che decidono di acquistare per le loro famiglie”.

Le critiche

Il Consiglio di controllo delle calorie (Calorie Control Council), un gruppo industriale che rappresenta i produttori di alimenti e bevande a basso contenuto calorico, ha contestato le raccomandazioni dell’Aap. Secondo una dichiarazione del presidente del Consiglio, Robert Rankin, il gruppo “mantiene la sua posizione di lunga data secondo cui, se consumato come parte di una dieta sana ed equilibrata, il consumo di [sostituti dello zucchero] può servire come strumento per la gestione di calorie e zuccheri complessivi assunzione”.

Cosa dice la ricerca

Gli autori della dichiarazione AAP hanno analizzato l’attuale corpus di ricerche sugli effetti del consumo di edulcoranti non nutritivi su peso, diabete, preferenza del gusto, malattie cardiache e altri problemi di salute. Non hanno trovato prove che collegano i sostituti dello zucchero ad un aumentato rischio di cancro, autismo o disturbo da deficit di attenzione e iperattività nei bambini. Le prove sulla perdita di peso nei bambini che hanno consumato dolcificanti non nutritivi sono contrastanti. I sostituti dello zucchero possono aiutare a stabilizzare il peso o comportare piccole riduzioni di peso se associati ad esercizio fisico regolare, controllo delle porzioni e dieta sana. “Ma consumarli senza altri cambiamenti nello stile di vita è improbabile che porti a una sostanziale perdita di peso”, afferma Baker-Smith. La maggior parte degli studi sui dolcificanti non nutritivi e il loro impatto sul diabete e sul rischio cardiovascolare non includevano i bambini. Ma ci sono alcune prove che il consumo di edulcoranti non nutritivi possa cambiare i batteri nei nostri sistemi digestivi, alterando negativamente il microbioma e il modo in cui i nostri corpi metabolizzano gli zuccheri.

“Anche se le prove non sono cristalline, quando si tratta di salute dei bambini, è meglio sbagliare per troppa cautela”, afferma Vasanti Malik, assistente professore di scienze nutrizionali all’Università di Toronto. “Non sappiamo ancora se un uso a lungo termine – a a partire dalla gravidanza e continuando per tutta la vita – può avere un impatto metabolico che può portare allo sviluppo di malattie man mano che un bambino cresce.”

Ma rispetto allo zucchero?

I genitori che sono preoccupati per gli zuccheri aggiunti o preoccupati per l’obesità infantile possono pensare di fare la cosa giusta scambiando snack e bevande zuccherate con quelli che contengono dolcificanti non zuccherati. “I dati sui pericoli di troppo zucchero sono molto chiari e coerenti”, afferma Malik. Ma sulla base delle ricerche attuali, non è chiaro che il semplice consumo di edulcoranti non zuccherini sia invece più salutare. Vi sono alcune prove preoccupanti che i dolcificanti non nutritivi possano avere un effetto duraturo sullo sviluppo delle preferenze di gusto dei bambini. “I bambini preferiscono in modo innato i sapori dolci e questi dolcificanti sono più volte più dolci dello zucchero”, afferma Baker-Smith. “Consumarli iniziando molto presto nella vita potrebbe aiutare a formare le preferenze per i gusti più dolci.”

Il consiglio ai genitori

Baker-Smith afferma inoltre che non ci sono quasi dati sulla sicurezza (o beneficio) degli edulcoranti non nutritivi nei bambini di età inferiore ai 2 anni. Secondo la dichiarazione AAP, il numero di prodotti di consumo contenenti dolcificanti non nutritivi è quadruplicato negli ultimi anni. Un altro rapporto appena pubblicato dall’UConn Rudd Center for Food Policy and Obesity di Hartford, Conn., Ha rilevato che il 74 percento delle bevande zuccherate commercializzate ai bambini conteneva edulcoranti non nutritivi e il 38 percento conteneva zucchero e dolcificanti non zuccherati. “Il miglior consiglio per i genitori è quello di controllare attentamente l’elenco degli ingredienti per qualsiasi dolcificante che si desidera evitare”, afferma Keating. “O meglio ancora, scegli cibi non trasformati interi e opta per l’acqua o altre bevande non zuccherate il più possibile.”