Lo studio Usa: i succhi di frutta hanno la stessa quantità di zucchero dei soft drink

I consumatori sono ancora indotti in errore nel pensare che i succhi di frutta siano un’alternativa più salutare alle bevande gassate quando, in realtà, molti contengono la stessa quantità di zucchero, se non di più. A dirlo è uno studio, riportato da FoodNavigator, che ha evidenziato che i succhi e i frullati di frutta contengono spesso molto più zucchero delle bevande zuccherate, comportando un aumento del rischio di mortalità. Il lavoro, pubblicato sul Journal of American Medical Association, ha esaminato l’assunzione di bevande zuccherate e succo di frutta in 13.440 adulti negli Stati Uniti di età superiore ai 45 anni.

Lo studio

Coloro che hanno bevuto un bicchiere di succo da 350 ml al giorno avevano il 24% in più di possibilità di morire, rispetto a un aumento dell’11% tra quelli che bevono quotidianamente bevande analcoliche zuccherate. Secondo gli autori, “Questi risultati suggeriscono che il consumo di bevande zuccherate, compresi i succhi di frutta, è associato alla mortalità per tutte le cause. Sono necessari studi ben potenziati e a più lungo termine per conoscere la loro associazione al rischio di mortalità per malattia coronarica”. Katharine Jenner, una nutrizionista di Action on Sugar, ha dichiarato a FoodNavigator: “Se unisci i frutti, gli zuccheri naturali vengono rilasciati dalle pareti cellulari del frutto e diventano zuccheri liberi che dovremmo ridurre tutti per proteggere i denti e aiutano a mantenere un peso sano. Mentre alcuni succhi di frutta possono contribuire a una delle nostro cinque porzioni al giorno, non dovremmo consumare più di 150 ml quotidianamente in quanto troppi zucchero e calorie portano all’obesità, diabete di tipo 2, cancro e carie. Il nostro consiglio è mangiare il frutto, non berlo! “. L’alto consumo di zuccheri dietetici e bevande zuccherate (SSB) in particolare è stato associato a diversi fattori di rischio di malattia coronarica, tra cui dislipidemia, diabete e obesità.

“Servono azioni di educazione”

“I succhi di frutta – continua lo studio – sono ancora ampiamente percepiti come un’opzione più sana rispetto agli SSB. Tuttavia, spesso contengono tanto zucchero e tante calorie quanto gli SSB. Sebbene lo zucchero nei succhi di frutta al 100% sia presente in natura piuttosto che aggiunto, una volta metabolizzato, la risposta biologica è essenzialmente la stessa”. Per questo, secondo gli autori, servono altrettanti sforzi rispetto a quelli fatti negli ultimi anni con tassazione e restrizioni sul marketing per bambini per i soft drink, anche per i succhi di frutta, percepiti come bevanda salutare. Chiarisce lo studio: “Gli zuccheri contenuti in tutte le bevande zuccherate sono principalmente i monosaccaridi glucosio e fruttosio o il saccarosio disaccaride, che viene rapidamente degradato con la digestione e metabolizzato in parti uguali di fruttosio e glucosio”.

Effetti benefici insufficienti a compensare lo zucchero

Gunter Kuhnle, professore associato di nutrizione e salute presso l’Università di Reading, ha dichiarato a FoodNavigator: “I succhi di frutta possono fornire vitamine e anche alcune fibre, ma c’è poco beneficio per la salute oltre a questo: la quantità di fitochimica presente nei succhi è troppo bassa per avere ulteriori effetti benefici e non vi è alcun effetto benefico sulla salute dai cosiddetti antiossidanti”, secondo Kuhnle, lo studio “suggerirebbe che i presunti benefici per la salute dei succhi di frutta non sono sufficienti a contrastare il loro contenuto di zucchero.”

La Britisch Soft Drink Association: “Ricerca fuorviante”

La British Soft Drink Association ha dichiarato che lo studio è fuorviante. Gavin Partington, direttore generale, sostiene: “Tutte le fasce d’età nel Regno Unito non sono in linea con il consumo giornaliero previsto di frutta e verdura, quindi avvertite di non consumare una piccola porzione da 150 ml di puro succo di frutta – che conta come una delle vostre cinque porzioni al giorno – rischia di portare la gente a rinunciare ai benefici vitaminici e fitonutrienti del succo di frutta che questo studio riconosce. La nostra ricerca dice che adulti e adolescenti che bevono succo di frutta hanno circa il doppio delle probabilità di raggiungere il loro minimo raccomandato di cinque porzioni al giorno, rispetto ai non bevitori”.