Eni mi ha fatto pagare gas e luce come non residente

PRESCRIZIONE CONGUAGLI

Caro Salvagente, ho cambiato gestore per la fornitura di gas e luce. Leggendo il contratto mi sono accorta di un errore: il contratto era per uso non residente. Li ho immediatamente avvertiti e mi hanno mandato un modulo per la variazione.
A quel punto, però, mi è sorto il dubbio e ho scoperto che nell’anno trascorso con Eni ho sempre pagato come non residente.
Sono andata indietro nel passaggio ad Eni, sono improvvisamente diventata non residente a casa mia. Vi chiedo: è possibile chiedere a Eni un rimborso?

Lara Puccini

Cara Lara, abbiamo chiesto una risposta alla sua interessante domanda a Valentina Masciari, responsabile utenza di Konsumer Italia nonché angelo custode di tutti i lettori del Salvagente quando hanno problemi con le bollette. Ecco cosa ci ha risposto.

La lettrice ha fatto bene a chiedere al suo attuale fornitore, Edison, il cambio da non residente a residente. In questi casi è sempre bene fare una richiesta scritta, allegando un certificato storico di residenza.

Nei confronti del precedente fornitore, cioè Eni, la signora deve aprire una contestazione evidenziando l’errore che è stato fatto da parte della società fornitrice in fase di sottoscrizione del contratto, allegando sempre un certificato storico di residenza e richiedendo, chiaramente, il rimborso di quanto pagato in più  a causa della loro mancanza, dal momento della sottoscrizione di quel contratto, alla chiusura dello stesso.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021