Perché in Europa i richiami alimentari vengono resi pubblici troppo tardi?

Troppo spesso tra il momento in cui i governi europei sono a conoscenza di alimenti pericolosi e quando danno un’allerta pubblico dei richiami c’è un colpevole ritardo. E non si tratta di un brutto vizio solo italiano.
Dopo l’ultimo scandalo europeo, quello del fipronil e delle uova della scorsa estate, Foodwatch Berlino ha deciso di esaminare la frequenza con cui si verificano tali ritardi. L’organizzazione europea per i diritti dei consumatori, specializzata in questioni relative alla qualità del cibo, ha riscontrato che le informazioni sul richiamo solo la metà delle volte sono state date con tempismo degno del rispetto dei consumatori comunitari.
Nel caso del fipronil che ha portato al ritiro di milioni di uova, il Belgio ha presentato la prima comunicazione il 20 luglio, seguita dai Paesi Bassi e dalla Germania. Tuttavia, secondo Foodwatch, l’UE ha lasciato passare 10 giorni prima di rendere pubbliche le notizie.
Nel suo nuovo rapporto, Foodwatch dice che le notizie sui richiami di cibo non sicuro spesso arrivano in ritardo ai consumatori europei o non lo fanno affatto. L’organizzazione formata da Thilo Bode, ex direttore esecutivo di Greenpeace, chiede migliori procedure di ritiro in Europa.
“La comunicazione errata sulle uova contaminate da fipronil non è un caso isolato“, secondo il rapporto Foodwatch. “I consumatori abitualmente non sanno di importanti allerta sugli alimenti. Spesso le aziende e le autorità decidono di richiamare troppo tardi, o talvolta non lo fanno del tutto.”
La Germania, per esempio, durante l’anno ha pubblicato solo il 53% dei 92 richiami sul sito web del governo. Un esempio citato da Foodwatch è quello del richiamo di funghi per la Listeria che non è stato pubblicato per tre giorni, apparentemente perché i funzionari erano fuori per le vacanze di Capodanno.
Foodwatch ha riscontrato che i regolamenti dell’UE in materia di sicurezza alimentare sono “troppo vaghi” e lasciano troppe interpretazioni quando è necessario un richiamo. Ha anche detto che troppo è lasciato ai produttori di generi alimentari che afferma di avere un “chiaro conflitto di interessi” quando si tratta di togliere prodotti non sicuri dal mercato.