I latti artificiali “Formula Premium”? Non hanno alcun vantaggio dimostrato

I quattro maggiori produttori di latte artificiale per la prima infanzia aumentano indebitamente i profitti con le gamme premium sfruttando il comprensibile desiderio dei genitori di dare la migliore nutrizione possibile ai loro bambini, ma senza che il valore aggiunto dei latti abbia alcuna dimostrazione scientifica. È l’accusa del II rapporto, Milking It, della Fondazione Changing Markets, Globalization Monitor, SumOfUs e l’Alleanza Europea per la Salute Pubblica (EPHA).

400 latti per la prima infanzia esaminati

L’investigazione delle Ong ha esaminato più di 400 latti per neonati di età inferiore ai 12 mesi dei quattro principali produttori mondiali: Nestlé, Danone, Mead Johnson Nutrition e Abbott, venduti in 14 mercati. E ha concluso che la differenziazione del prodotto non ha basi scientifiche, ma è stata indotta da un’attenta ricerca sulle preferenze dei consumatori e guidata dalla volontà di aumentare la quota di mercato e i profitti dei produttori, soprattutto nei mercati asiatici in forte crescita.

I ricercatori hanno trovato che le formule di latte “premium” contengono nutrienti supplementari non richiesti dalla legge o da standard globali, che pretendono di ottenere un latte “più vicino al latte materno”, o di rappresentare “gli ultimi sviluppi nella scienza nutrizionale”. Altri prodotti avrebbero ingredienti specifici che pretendono di essere d’aiuto (prevenire le allergie, migliorare il sonno, ecc.), o essere liberi da organismi geneticamente modificati.

Il fatto stesso che le aziende posizionano latte infantile con diverse formulazioni su diversi mercati suggerisce, secondo le Ong che ci sono pochi fondamenti scientifici e poche considerazioni benefiche per la salute dietro la loro gamma di prodotti.

Le paure dei genitori cinesi e i profitti dei big

In tal modo, i produttori possono mettere questi prodotti in mercati “premium” e ricaricare i prezzi di conseguenza. “Il rapporto analizza anche i prezzi al dettaglio. I prodotti più costosi sono stati trovati in Cina e Hong Kong, dove le famiglie possono spendere rispettivamente 286 dollari e 304 dollari al mese per alimentare un bambino di 2-3 mesi in base all’utilizzo del prodotto più costoso. Ciò significa che i genitori in Cina possono spendere fino al 40% del loro stipendio medio . In confronto, la formula più costosa nei paesi europei costa solo l’1-3% di uno stipendio medio.

Rena Lau del Globalization Monitor, con sede a Hong Kong, spiega: “I big del latte in formula stanno sfruttando le preoccupazioni dei genitori cinesi, che ancora ricordano molto vividamente lo scandalo della contaminazione della melamina e che hanno esperienza nell’inquinamento ambientale del paese, quindi sono disposte a pagare di più per i prodotti premium.

I paesi europei hanno differenze minori nei prezzi delle gamme di latte. Nel Regno Unito, il prodotto più costoso costa 1,6 volte più rispetto al prodotto più economico, mentre in Indonesia la differenza è 4,5 volte.