Rc-auto false, ecco i portali segnalati dall’Ivass

Sicuri di avere stipulato una polizza rc-auto regolare? Se avete sottoscritto il contratto su uno dei siti on line o società segnalati dall’Ivass qualche dubbio dovete averlo.

L’Istituto di vigilanza sulle assicurazioni monitora continuamente il mercato delle rc-auto e segnala le attività irregolari. In particolare, negli ultimi tempi ha lanciato un allarme circa il proliferare di assicurazioni contraffatte o irregolari che, dopo gli opportuni accertamenti, risultano sottoscritte da società estere truffaldine o tramite portali non riconducibili a intermediari assicurativi iscritti nell’apposito Registro.

I consumatori, quindi – attratti da prezzi convenienti – rischiano di ritrovarsi con polizze false o irregolari, e si espongono involontariamente a pesanti sanzioni.

La società polacca…

In questi giorni, ad esempio, è finita nel mirino dell’Istituto l’impresa assicurativa T.U.I.R. WARTA S.A., che ha sede legale in Polonia ed è regolarmente abilitata ad operare in Italia nel ramo r.c.auto: limitatamente alla responsabilità civile del vettore, è stata accertata la commercializzazione di assicurazioni contraffatte a nome di questa società.

…e i portali web

Quanto ai siti web, ecco quali sono i portali che più di recente sono stati segnalati dall’Ivass perché non riconducibili a intermediari regolarmente registrati in Italia:

  • www.assisolution.net
  • www.assitempo.net
  • www.marottaonline.com
  • www.easyassicura.net
  • www.assicurazionidirectonline.it

I consigli per i consumatori

L’IVASS raccomanda sempre di verificare, prima della sottoscrizione di una polizza rc-auto, che la polizza si riferisca ad un’impresa autorizzata allo svolgimento dell’attività in tale ramo, tramite la consultazione sul proprio sito dell’Albo delle imprese italiane e degli Elenchi delle imprese estere ammesse ad operare in Italia (elenchi generali ed elenco specifico per la r. c. auto); nonché degli elenchi degli avvisi relativi alle imprese non autorizzate e dei casi di contraffazione.

In ogni caso, segnala l’istituto, i siti web degli intermediari che esercitano tramite internet devono sempre indicare: i dati dell’intermediario, l’indirizzo della sede, i recapiti telefonici (compresi numero di fax e mail); il numero e la data di iscrizione al Registro unico degli intermediari assicurativi e l’indicazione che l’intermediario è soggetto al controllo dell’Ivass. In mancanza di questi dati è bene diffidare!

Per ulteriori informazioni è poi possibile rivolgersi al Contact Center IVASS, numero verde 800-486661 dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 14.30.