giovedì, 19 Settembre 2019

prosecco - Risultati della ricerca

Se non sei stato felice di questa ricerca, riprova con un'altra ricerca con differenti parole chiave

I produttori di Valdobbiadene vogliono togliere la parola “prosecco” dall’etichetta

La ragione è legata al desiderio di differenziarsi dai cugini del prosecco doc, prodotto in pianura, che puntano a una produzione più industriale e comunemente ritenuto di fascia inferiore. E infatti la risposta piccata è arrivata subito

Le colline del Prosecco riconosciute dall’Unesco? Pan: “Troppi pesticidi, siamo contrari”

La notizia è di sicuro positiva per l'orgoglio nazionale, ma non tutti i cittadini della zona ne sarebbero contenti. In diversi, infatti, si lamentano dell'impatto pesante dei pesticidi irrorati sulle vigne per chi vive nelle colline del prosecco.

Prosecco, i manifesti del consorzio Valdobbiadene: “Siamo liberi dal glifosato”

Da qualche giorno, infatti, come riporta Oggi Treviso, centinaia di manifesti a Conegliano veneto, esultano per il bando del pesticida della Monsanto dalle vigne locale. I cittadini che vivono in zona, molti dei quali hanno più volte protestato per l'ingente quantità di pesticidi irrorata nelle vigne locali, hanno preso la notizia con una dose di scetticismo. E gli altri pesticidi?

Il Consorzio prosecco Valdobbiadene Docg vieta l’uso del glifosato

Il consorzio di tutela del prosecco Conegliano Valdobbiadene Docg presenta il protocollo viticolo che vieta l'utilizzo del glifosato nel territorio di produzione. L'altro famoso consorzio, il prosecco Doc, ha deciso di eliminare glifosato, insieme agli altri due pesticidi mancozeb e folpet, ma è ancora fermo tra lungaggini burocratiche. Perché, intanto, non imita i cugini di Conegliano?

Prosecco e fitofarmaci, i produttori s’infuriano. La risposta dei cittadini “No pesticidi”

Il servizio mandato in onda da "Striscia la notizia" mercoledì 20 febbraio, incentrato sui test su prosecco e pesticidi pubblicati dal Salvagente lo scorso giugno, ha fatto ritornare sul piede di guerra i produttori del popolare vino veneto. Il botta e risposta, dati alla mano

Ghiaccio, prosecco e pesticidi. La nostra inchiesta integrale su 12 bollicine

12 bottiglie di bollicine italiane, tra le più vendute, in laboratorio e spuntano in un solo calice anche 7 residui di fitofarmaci diversi. Ecco l'inchiesta integrale, tutti i risultati e le marche che abbiamo messo sotto la lente

Caro Zaia, il prezzo non basta a garantire il prosecco

Assumere che il prezzo basso sia caratteristico dei prodotti scadenti e che quello alto sia segnale di qualità potrebbe non servire a scoraggiare i truffatori, anzi. Almeno se non si intensificano i controlli

Zaia: “Fissare un prezzo minimo del prosecco per riconoscere il falso”

Il governatore veneto ha anche dichiarato: "La chimica dovrà essere sempre di meno e arrivare a zero "

“Vivo tra le viti del prosecco, l’aria è irrespirabile per le sostanze usate. Cosa...

Ci scrive Marilena, che vive nel territorio di produzione del famoso vino veneto. "Soprattutto sull'imbrunire, l'aria attorno a casa è irrespirabile, odora di cloro e le vie aerea bruciano". I consigli degli esperti

Corsa al prosecco, lo stop di Zaia: “No a nuove coltivazioni. Puntate su Pinot...

Il governatore, intervenendo insieme al presidente del prosecco Doc, Zanette, a un incontro con i produttori è stato chiaro: "Scordatevi che io vi trasformi il Glera in prosecco", "io non firmerò nessun decreto in tal senso".

Prosecco Doc, il consorzio: “Ora il governo ci aiuti a vietare Glifosato e altri...

"Attendiamo solo che il Comitato nazionale vini accolga ufficialmente la nostra richiesta". Stefano Zanette, rieletto presidente del Consorzio Prosecco doc, chiede di sbloccare la situazione. Nel frattempo il folpet, che si vuole bandire, è stato trovato in tutti i campioni fatti analizzare dal Salvagente

Prosecco e pesticidi, nella provincia di Treviso record di vendite di fitofarmaci

Continua a fare eco l'inchiesta su prosecco e pesticidi pubblicato dal Salvagente in edicola. Il consigliere regionale del Partito Democratico Andrea Zanoni: "È arrivato il momento di pensare davvero a una riconversione della viticoltura veneta al biologico".