Carne, il paradosso dello spreco: con quella che buttano i supermercati svizzeri ci mangerebbero 100mila persone

carne supermercato

5mila tonnellate di carne in scadenza, corrispondenti al consumo annuale di circa 100mila persone, ogni anno vengono prelevate dai supermercati svizzeri e mandate a bruciare in impianti di biogas, anche se potrebbero essere recuperate e consumate. A raccontarlo è il magazine svizzero Ktipp.

 

5mila tonnellate di carne, corrispondenti al consumo annuale di carne di circa 100mila persone, ogni anno vengono prelevati dai supermercati svizzeri e mandati a bruciare in impianti di biogas. A raccontarlo è il magazine svizzero Ktipp. “Ogni sera quando i negozi chiudono, sui banchi dei negozi rimane carne fresca, che il giorno successivo non può più essere venduta” a causa della scadenza prossima, scrive Ktipp, “In quest’ultimo giorno di vendita, la carne può essere consumata senza esitazione. Ma i grandi venditori di carne Migros e Coop la raccolgono e la distruggono – ancora sigillata nella plastica – negli impianti di biogas. Ogni anno vengono smaltite in questo modo circa 5mila tonnellate di carne” Questo è il risultato di un’indagine K-Tipp su diversi impianti di biogas. Claudio Beretta, autore scientifico di vari studi del Politecnico di Zurico (Eth) sullo spreco alimentare, conferma questa stima. 5mila tonnellate di carne corrispondono al consumo annuale di carne di circa 100mila svizzeri.

La carne finisce a fermentare in biogas

Bell, che è uno dei più grandi trasformatori di carne del paese e il principale fornitore di Coop, smaltisce la carne fresca nell’impianto di compostaggio e biogas di Oensingen, tra gli altri luoghi. Tra le due e le tre tonnellate ogni settimana. L’operatore lo conferma. Una macchina sminuzza il cibo di alta qualità, compreso l’imballaggio di plastica, in piccoli pezzi. La macchina separa quindi la plastica dalla carne. Questo poi fermenta a 56 gradi in biogas.

L’invito disatteso del governo a recuperare la carne

Quello che appare paradossale è che la produzione di carne è fortemente sovvenzionata, e nonostante ciò una parte non irrilevante di essa viene prodotta per finire in impianti per lo smaltimento, con tutto quello che comporta in termini di impatto ambientale (gli allevamenti sono ai primi posti tra le attività inquinanti). “I grossisti potrebbero tirare la carne fuori dal frigorifero l’ultimo giorno della sua data di scadenza, rietichettarla, congelarla, offrirla a un prezzo ridotto o donarla a un ente di beneficenza. Il governo federale lo consente espressamente” scrive Ktipp, che riporta anche il contenuto della lettera informativa del governo: “Tali alimenti devono essere etichettati con la data di congelamento più 90 giorni. Questi possono essere dati ai consumatori fintanto che viene mantenuta la catena del congelatore”.

Le risposte di Coop Svizzera e Migros

Dopo lo scongelamento, la carne deve essere consumata entro 24 ore. Con tali misure, il governo federale vuole ridurre lo spreco alimentare del 50 per cento entro il 2030. I grandi distributori Coop e Migros hanno firmato questo piano d’azione federale. Nonostante ciò, continuano a gassare carne commestibile fresca invece di congelarla e darla via. Interpellata da K-Tipp, Coop ha spiegato che “le specifiche per la piena garanzia della catena del freddo non possono essere attuate”. La Migros non commenta, ma scrive che la pianificazione è una sfida, gli acquisti sono direttamente legati al clima attuale, soprattutto nella stagione dei barbecue.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

Globus, l’alternativa del recupero

Claudio Beretta, ora ricercatore associato presso l’Università di Scienze Applicate ZHAW e presidente dell’associazione Foodwaste.ch, critica l’atteggiamento dei grossisti: “Ogni tonnellata di carne che finisce nell’impianto di biogas è un enorme spreco di cibo perché il la carne poteva essere consumata senza problemi”. L’ex filiale della Migros Globus a Zurigo fa meglio. Porta la carne fresca lasciata nei banchi direttamente alla distribuzione gratuita di cibo per poveri e senzatetto sull’Europaallee di Zurigo. L’operatrice e fondatrice dell’associazione Incontro, suor Ariane Stocklin, afferma: “Qui la carne è molto gradita e ambita”.

Quanto costa al cittadino e all’ambiente lo smaltimento della carne buona

Il contribuente spende 3,5 euro per ogni chilogrammo di carne. Secondo uno studio dell’associazione Vision Landwirtschaft, si tratta di sussidi che lo Stato versa per la produzione di carne. Con la gasazione di 5mila tonnellate di carne fresca, i rivenditori distruggono ogni anno 17,2 milioni di euro di valore. Inoltre, la produzione di carne provoca molti gas serra dannosi per il clima. Secondo Claudio Beretta dell’Università di scienze applicate di Zurigo, con 5mila tonnellate di carne smaltite, ciò significa 51mila tonnellate di CO2 dannosa per il clima. È la stessa quantità che emetterebbero 4mila auto durante la guida in tutto il mondo.