Ific, il braccio mediatico di Big Food per manipolare le cattive notizie

La battaglia sul cibo si combatte sui media prima ancora che nei campi. Lo sanno bene i giganti dell’agroindustria, che finanziano lobby per disinnescare le cattive notizie riguardo ai loro prodotti. A svelarlo sono anche i documenti ottenuti da Us Right to Know (Usrtk) e altre fonti che fanno luce sul funzionamento interno dell’International food information council (Ific), un gruppo commerciale finanziato da grandi aziende alimentari e agrochimiche, e il suo “braccio di istruzione pubblica” senza scopo di lucro, la Fondazione Ific. “I gruppi Ific – scrive Usrtk – conducono programmi di ricerca e formazione, producono materiali di marketing e coordinano altri gruppi industriali per comunicare le spinte del settore sulla sicurezza alimentare e la nutrizione. La produzione include la promozione e la difesa dello zucchero, degli alimenti trasformati, dei dolcificanti artificiali, degli additivi alimentari, dei pesticidi e degli alimenti geneticamente modificati”.

Il braccio mediatico dell’Ilsi

Un nuovo studio che vede gli esperti di US Right to Know tra gli autori, pubblicato sulla rivista Globalization and Health, mostra che gli attori dell’industria alimentare e chimica considerano l’Ific e la Fondazione Ific come “centrali per promuovere contenuti favorevoli all’industria a difesa di prodotti che devono affrontare una stampa potenzialmente negativa, come l’aspartame…”. Lo studio cita Alex Malaspina, ex dirigente della Coca-Cola e fondatore dell’Ilsi, che spiega lo stretto rapporto tra l’International life sciences institute (Ilsi, la più grande lobby agroindustriale del mondo) e l’Ific: “L’Ific è una specie di entità sorella dell’Ilsi. Ilsi genera i fatti scientifici e l’Ific li comunica ai media e al pubblico”. Sulla base di documenti nell’Archivio dell’industria chimica (Uscf), lo studio fornisce prove che sono “più che sufficienti per negare il ritratto dell’Ific secondo cui si tratta di un’organizzazione neutrale”, hanno scritto gli autori. “Sosteniamo che le comunicazioni dell’Ific e della sua Fondazione dovrebbero essere viste come attività di marketing e pubbliche relazioni per l’industria alimentare”.

“Partner” di Monsanto nel negare la cancerogenicità del glifosato

Come esempio di quanto l’Ific collabori con le società per promuovere i prodotti agrochimici e disinnescare i rischi di cancro conosciuti, questo documento interno della Monsanto identifica l’Ific come un “partner del settore” nel piano di pubbliche relazioni  per screditare il team di ricerca sul cancro dell’Organizzazione mondiale della sanità, lo Iarc, per “proteggere la reputazione” del diserbante Roundup. Nel marzo 2015, lo Iarc ha ritenuto che il glifosato, l’ingrediente chiave di Roundup, fosse probabilmente cancerogeno per l’uomo. La Monsanto ha elencato l’Ific come “partner industriale” di livello 3 insieme ad altri due gruppi finanziati dall’industria alimentare, la Grocery Manufacturers Association e il Center for Food Integrity.

La comunicazione ad hoc destinata alle donne

I gruppi sono stati identificati come parte di un “team di coinvolgimento degli stakeholder” che potrebbe avvisare le aziende alimentari della “strategia di inoculazione” della Monsanto per il rapporto sul cancro al glifosato. I blog successivamente pubblicati sul sito web dell’Ific illustrano i messaggi condiscendenti del gruppo (“non preoccuparti, fidati di noi”) alle donne. Le voci includono “8 modi pazzi in cui stanno cercando di spaventarti per frutta e verdura”, “Tagliare il disordine sul glifosato” e “Prima di impazzire, chiediamo agli esperti… i veri esperti”.

I finanziamenti delle multinazionali a Ific

L’Ific ha speso oltre 22 milioni nel quinquennio 2013-2017, mentre la Ific Foundation ha speso oltre $ 5 milioni in quei cinque anni. Le società e i gruppi industriali che supportano l’Ific, secondo le rivelazioni pubbliche, includono l’American Beverage Association, l’American Meat Science Association, Archer Daniels Midland Company, Bayer CropScience, Cargill, Coca-Cola, Dannon, DowDuPont, General Mills, Hershey, Kellogg, Mars , Nestlé, Perdue Farms e PepsiCo. Bozze di documenti fiscali della Fondazione Ific, ottenute tramite richieste di registri statali, elencano le società che hanno finanziato il gruppo nel 2011, 2013 o entrambi: Grocery Manufacturers Association, Coca-Cola, ConAgra, General Mills, Kellogg, Kraft Foods, Hershey, Mars, Nestlé, PepsiCo e Unilever. Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha donato alla Fondazione Ific 177.480 di denaro dei contribuenti nel 2013 per produrre una “guida del comunicatore” per promuovere gli alimenti geneticamente modificati.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

I rapporti con i giornalisti

Una serie di documenti ottenuti da US Right to Know fornisce un’idea di come l’Ific opera dietro le quinte per diffondere le notizie e difendere i prodotti dei suoi sponsor aziendali. L’e-mail del 5 maggio 2014 di Matt Raymond, direttore senior delle comunicazioni, ha avvisato la leadership dell’Ific e il “gruppo di dialogo con i media” di “storie di alto profilo in cui è attualmente coinvolta l’Ific” per aiutare a girare una copertura di notizie interessate. Ha notato che avevano collegato un giornalista del New York Times con “Dr. John Sievenpiper, il nostro noto esperto nel campo degli zuccheri”. Sievenpiper “fa parte di un piccolo gruppo di scienziati accademici canadesi che hanno ricevuto centinaia di migliaia di finanziamenti da produttori di bevande analcoliche, associazioni di categoria di alimenti confezionati e industria dello zucchero, realizzando studi e articoli di opinione che spesso coincidono con gli interessi di quelle imprese, ” secondo il National Post.