Cresce la protesta contro gli allevamenti intensivi. Il reportage dai diversi paesi Ue

CARNE AGRICOLTURA INTENSIVA

In Spagna è scoppiata la polemica sugli allevamenti intensivi e sul loro impatto ambientale dopo che il ministro dei consumi, Alberto Garzón, ha criticato questo modello e difeso l’allevamento estensivo. El Pais ha dedicato un reportage sulla situazione nei maggiori paesi d’Europa, inclusa l’Italia. Solo l’Olanda al momento scommette timidamente sulla chiusura di alcune di queste strutture. Ma vediamo cosa ha scoperto il quotidiano spagnolo durante la sua ricognizione.

Germania: la proposta sull’Iva dei derivati animali

Il benessere degli animali e l’inquinamento da allevamento intensivo sono questioni che preoccupano i tedeschi. Lo scorso agosto un’interrogazione parlamentare dei socialdemocratici ha rivelato che nel Baden-Württemberg i grandi allevamenti di suini vengono ispezionati in media solo ogni 11,5 anni. I verdi, che fanno parte del nuovo esecutivo tripartito – con socialdemocratici e liberali – sostengono la “fine dei prezzi spazzatura” per la carne, come ha affermato pochi giorni fa il ministro dell’Agricoltura tedesco, Cem Özdemir, del partito ambientalista. L’attuale accordo di coalizione non include esplicitamente alcuna misura al riguardo, sebbene parli di “ristrutturazione del bestiame” e sostegno del bestiame “sulla strada della neutralità climatica”. La Germania è il secondo produttore di carne suina nell’UE, dietro la Spagna. Quasi l’80% dei suini macellati proviene da allevamenti in cui vengono ingrassati più di mille animali contemporaneamente. Negli ultimi 15 anni, l’80% degli allevatori ha smesso di allevare animali, mentre è aumentata del 50% la produzione di carne, secondo i dati della Heinrich Böll Foundation, che mostrano dunque il cambiamento del modello produttivo verso le macro-fattorie intensive. I piccoli allevamenti stanno scomparendo e, infatti, l’agricoltura biologica è praticamente inesistente: solo lo 0,6% degli allevamenti produce carne di maiale con questa etichetta. L’organizzazione ambientalista Greenpeace ha proposto di aumentare l’Iva sui prodotti animali in Germania, che attualmente sono tassati al 7%, e di abbassarla o eliminarla nel caso di frutta e verdura per compensare.

Francia: Macron sceglie di non scegliere

Un recente sondaggio dell’istituto Ifop ha indicato che l’82% dei francesi sarebbe favorevole a porre fine al bestiame e alla zootecnia industriale per il consumo. Il problema è, spiega El Pais, che se questo desiderio venisse applicato rigorosamente, l’agricoltura francese crollerebbe: oggi circa otto animali su 10 – principalmente polli e maiali – vivono confinati in allevamenti intensivi in ​​Francia, secondo i calcoli delle organizzazioni ambientaliste. Il presidente francese Emmanuel Macron ha difeso la necessità di una trasformazione del modello di produzione e consumo e ha lanciato un piano di investimenti pubblici da 5 miliardi di euro per “rispondere meglio alle aspettative dei consumatori e dei concittadini di preservare la sovranità alimentare francese e, allo stesso tempo , la qualità della produzione francese”. Macron ritiene che “continueranno ad esserci diversi modelli agricoli”, compreso quello intensivo, ma sostiene che per la Francia non ha senso competere con altri paesi che producono in modo più massiccio e di qualità inferiore. Secondo il presidente, i produttori francesi non possono proporsi “di competere domani con i 100.000 allevamenti di mucche in Cina o con Brasile, Ucraina o Russia nella gamma dei polli congelati”.

Italia: Comuni in lotta contro gli allevamenti intensive

In alcune regioni italiani la mobilitazione dei cittadini o delle organizzazioni ambientaliste contro l’allevamento intensivo ha avuto un riscontro positivo. È il caso di San Cassiano, un piccolo comune in provincia di Mantova, che da anni si batte contro l’istituzione di un grande allevamento di polli. Il Consiglio di Stato ha concordato con l’amministrazione comunale, anche se le autorità provinciali hanno autorizzato l’apertura dell’impianto. In un altro comune della stessa provincia, Schivenoglia, un tribunale ha ordinato al Comune di rispondere e fornire dati alle istanze di diverse organizzazioni ambientaliste che protestavano contro la costruzione e l’ampliamento di grandi allevamenti di suini, autorizzati dagli enti locali senza procedura per il Valutazione di impatto ambientale, a cui devono essere sottoposti gli allevamenti intensivi di suini di oltre 3mila capi, considerati “industrie malsane di prim’ordine”. Secondo la Banca dati nazionale del bestiame, la maggior parte degli allevamenti intensivi di bovini, suini e pollame in Italia è concentrata nel nord del Paese, tra Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Veneto. In particolare, la maggior parte si trova in un’area molto ristretta che comprende le province di Mantova, Brescia, Reggio Emilia e Modena. Da diversi anni la provincia di Brescia registra un numero di suini maggiore rispetto agli abitanti. “Le associazioni verdi denunciano l’impatto ambientale negativo dell’allevamento intensivo e sostengono che non è un caso che le regioni più colpite dall’inquinamento atmosferico del Paese siano anche quelle con il maggior numero di allevamenti intensivi” scrive El Pais.

Regno Unito: Il governo si pone obiettivi ambiziosi

Nel Regno Unito, le campagne legali e politiche contro l’allevamento intensivo sono principalmente opera di organizzazioni come Humane Being, Animal Aid o Viva. Quest’ultimo ha raccolto quasi 20mila firme la scorsa estate in una lettera aperta a Johnson per spingere per una riduzione del consumo di carne. The National Food Strategy, rapporto commissionato dallo stesso governo britannico a una commissione indipendente ha raccomandato di ridurre il consumo di carne del 30% entro il 2032 e di aumentare il consumo di frutta e verdura della stessa quantità (rispetto ai dati del 2019). “Uno dei modi più efficaci per ridurre le emissioni di carbonio e restituire la terra alla natura è ridurre il consumo di proteine ​​animali”, spiega il documento, dal quale si evince che l’85% dei terreni adibiti alla produzione di cibo è in definitiva destinato all’alimentazione dell’allevamento intensivo. Un’indagine condotta dal quotidiano The Guardian nel 2017 indicava già una cifra di oltre 800 strutture di allevamento intensivo in tutto il Paese. “Ci sono operazioni di allevamento intensivo che sono orribili, mentre altre sono un fantastico esempio di come prendersi cura degli animali e produrre buoni risultati”, ha spiegato Charles Godfray, direttore del Program on the Future of Food dell’Università di Oxford

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

Paesi Bassi: un ministero per ridurre l’impatto

“Gli olandesi sono preoccupati per l’impatto dei grandi allevamenti di suini. Questa preoccupazione ha portato il governo dei Paesi Bassi a concentrarsi sulla riduzione graduale dell’impatto degli allevamenti, sul loro numero e su quello degli animali, e sulla promozione della sostenibilità e del benessere degli animali” spiega El Pais. Ma con quasi 11,4 milioni di capi nel 2021, il settore dei suini è uno di quelli traianti per l’economica del Paese. Dal 2019, il Ministero dell’Agricoltura olandese ha sovvenzionato la chiusura volontaria di aziende agricole di varie dimensioni vicino ad aree popolate per evitare il fastidio degli odori. Dal canto suo, il nuovo governo comprende un dipartimento con un ministro della Natura e dell’Azoto, inserito all’interno del ministero dell’Agricoltura e preposto alla riduzione delle emissioni dell’intero settore zootecnico nazionale. I nitrati, derivati ​​dall’azoto, possono contaminare i suoli attraverso fertilizzanti agricoli o escrementi animali.