Stop al biossido di titanio, la multa a UMask, Nestlé cambia l’etichetta… Le nostre 5 vittorie del 2021

BIOSSIDO UMASK NESTLE VITTORIE

Un giornale per i consumatori non è contro alle aziende ma aiuta il mercato a diventare migliore, mettendo in risalto il diritto dei cittadini a vivere in un ambiente più sano, a ricevere un servizio all’altezza del suo costo e un cibo sicuro sotto l’aspetto sanitario. Come testimoniano queste cinque notizie che durante il 2021 hanno visto il Salvagente “motore” del cambiamento. Noi le abbiamo chiamate le 5 nostre vittorie ma sono ovviamente dei passi (piccoli o grandi valutate voi) che abbiamo fatto compiere a ognuno di noi nella direzione dei diritti.

1) Biossido di titanio non si potrà più usare come additivo alimentare

Il 12 ottobre gli Stati membri hanno approvato la proposta della Commissione europea di vietare l’uso del biossido di titanio come additivo alimentare. Il

provvedimento si è reso necessario dopo che l’Efsa ha concluso che non si possono escludere rischi di genotossicità. Il Salvagente da anni ha messo in evidenza la potenziale nocività dell’E171 e nel giugno 2019 dedicammo proprio una copertina al problema: in quel numero pubblicammo i risultati delle analisi sulla presenz dell’additivo in gomme, caramelle, farmaci e merendine L’Efsa e la Ue hanno impiegato un po’ di anni ma alla fine il risultato hanno dovuto prendere atto – anche – delle nostre denunce.

 

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

 

 

 

2) U-Mask i nostri rilievi, lo stop alla vendita e la multa Antitrust

Proprio come ha raccontato per primo il Salvagente, U-Mask prometteva a sproposito di garantire con le proprie mascherine una protezione dai virus paragonabile ai dispositivi FFP3. A ribadirlo è l’Autorità garante della concorrenza e del mercato, che il 22 ottobre scorso ha multato la società per 450mila euro. Prima ancora, a febbraio, era stato il ministero della Salute – dopo l’intervento della Procura di Milano che ne aveva ordinato il sequestro – a vietare la vendita delle mascherine dei vip. I nostri rilievi e la successiva inchiesta di Striscia la Notizia erano stati sollevati alla fine del 2020.

3) Più verdure o più soia? L’etichetta sbagliata di Nestlé

Nestlé, dopo una nostra segnalazione, nel gennaio scorso si è impegnata a cambiare l’etichetta delle Polpette di verdure con carote mais e piselli della linea Garden Gourmet. Spesso sono le segnalazioni dei consumatori, nostri lettori più attenti, a dare il via ad alcuni nostri servizi o confronti tra prodotti. In questo caso siamo stati noi ad aver segnalato ad una azienda, per la precisione Nestlé, un errore in etichetta. E va dato atto all’azienda della pronta risposta in favore della chiarezza.

 

4) Prima il bug, poi le “minacce” ma Nespresso si arrende: “Non ci rivarremo sui clienti”

Dopo il bug sul sito e-commerce avvenuto all’inizio dell’anno scorso, Nespresso ha emesso i voucher di rimborso ai clienti che si erano visti annullare d’ufficio l’ordine. Ma anche la procedura di acquisto con questi buoni ha avuto dei problemi che l’azienda ha cercato di scaricare sui consumatori. Dopo il nostro intervento l’azienda ha deciso, però, di fare marcia indietro.

5) Bicchieri e piatti in bambù, finalmente vietati anche in Italia

Dopo la Francia e la Svizzera è intervenuto – finalmente – ad inizio dicembre anche il nostro ministero della Salute per ricordare che i materiali e oggetti destinati al contatto con gli alimenti (Moca) in plastica contenenti “polvere” di bambù (bambù macinato) sono dichiarati illegali: “Non vi è evidenza della loro sicurezza”. Inutile ricordare le nostre denunce passate legate al rilascio di melammina e formaldeide che questo tipo di stoviglie possono contenere.