Due gestori fatturano per la stessa utenza: come ne esco?

energia

Gentile redazione de “Il Salvagente”, ultimamente mi arrivano delle bollette di energia elettrica del Gruppo Hera evidentemente esagerate. L’ultima relativa al bimestre settembre-ottobre ad esempio è di 220,96, quella precedente di € 300 circa. Dico evidentemente esagerate perchè io dal mese di febbraio sto effettuando dei lavori di ristrutturazione in casa mia per cui non uso energia elettrica. Ho telefonato diverse volte all’operatore per segnalare che secondo me mi facevano pagare l’elettricità di qualcun’altro visto che anche sulla fattura non corrisponde nessun elemento con il mio contatore (né codice cliente né codice pod). Ho chiesto l’intervento di un tecnico per controllare che fosse tutto a posto e mi è stato risposto di contattore il fornitore generale che è l’Enel e anche secondo loro è tutto a posto. Il bello arriva quando mio marito mi porta a casa delle bollette di Servizio Elettrico Nazionale che arrivavano via mail (e che mio marito non ha mai stampato – sì lo so cosa state pensando ma gliel’ho già fatto il cazziatone). Controllando il codice pod di queste fatture effettivamente corrispondono e anche le cifre addebitate (l’ultima di 23,94) risulta più credibile per un’utenza al momento di fatto sospesa. Praticamente io è da non so quanto che sto pagando due fornitori di energia elettrica. Come devo comportarmi adesso?

Laura Tolazzi

Cara Laura, quella che segnala è un vicenda assai strana, sulla quale abbiamo chiamato a irispondere Valentina Masciari, responsabile utenze dell’associazione di consumatori Konsumer Italia. Ecco cocsa ci ha detto.

È impossibile che sulla stessa utenza ci siano due fornitori, la fornitura infatti, viene identificata dal numero POD, cioè un codice alfanumerico correlato alla fornitura, in questo caso di energia elettrica. La sigla significa “point of delivery” (punto di consegna), e identifica univocamente quella fornitura, come il codice fiscale per le persone, tant’è che rimane invariato anche in caso di cambio fornitore.

Il POD nello specifico è composto dal Codice Nazione, cioè la nazionalità del punto di fornitura (per il territorio italiano la sigla di riferimento è “IT”), dal codice distributore (3 cifre che identificano il distributore di zona), dal codice servizio che è composto dalla lettera “E”, obbligatoria per l’energia elettrica, dal codice punto di prelievo che è una sequenza di otto cifre.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

Il codice POD è indicato in bolletta, in genere sotto la voce “ dati della fornitura”. Inoltre, nei contatori elettronici, sono presenti dei tasti appositi per la visualizzazione di tale codice.

Nel caso concreto, da quanto scrive la signora, le fatture di Hera Comm, si riferiscono ad un POD che non è il suo, quindi per un utenza che non è la sua…

Sarebbe interessante verificare queste fatture, cioè sia quella di Hera Comm, sia quella di Servizio Elettrico Nazionale.

Comunque, se i periodi coincidono e si accavallano, le fatture corrette sono quelle che contengono il codice POD di quel punto di fornitura e quindi, quelle del Servizio elettrico.

Non riesco a giustificare le fatture emesse da Hera Comm, almeno con i dati che abbiamo a disposizione e che ci comunica la signora Tollazzi quindi consiglierei di inviare a tale gestore una contestazione scritta, comunicando il suo codice POD, l’indirizzo dell’abitazione e il suo nominativo con relativo codice fiscale, aggiungendo che il POD corretto, è fornito da SEN.

Individuato il POD corretto, cioè quello che realmente identifica la fornitura dell’appartamento della signora, l’unica strada che deve seguire, è contestare e quindi disconoscere, l’attribuzione di un POD che non ha nulla a che fare con l’interessata.

Se questa è la situazione, allora la signora ha pagato fatture non attribuibili ai suoi consumi e soprattutto a sue forniture, e di conseguenza è corretto che li contesti ma sempre formalmente, per iscritto.

Allo stesso tempo, comunicherei questa strana situazione, anche al Distributore di zona, soggetto diverso dal venditore e che è l’unico che accede al contatore e gestisce i flussi di energia.