Deforestazione, Greenpeace: “Il piano Ue ha troppi buchi, rischia di non essere efficace”

I progetti dell’Unione europea per fermare la deforestazione hanno troppi buchi che rischiano di rendere inefficace l’impegno. A dirlo è Greenpeace, che ha potuto consultare la bozza del testo di proposta di legge che a novembre la Commissione europea pubblicherà per affrontare il contributo dell’Ue alla deforestazione globale e al degrado forestale. Attraverso il consumo di prodotti che provengono da terreni bonificati e devastati e attraverso il finanziamento di aziende che ne traggono profitto, infatti, l’Europa contribuisce alla distruzione delle foreste e di altri ecosistemi, all’interno e all’esterno dei suoi confini. Secondo Greenpeace, l’Ue è responsabile del 17% della deforestazione tropicale legata a materie prime scambiate a livello internazionale come carne, olio di palma o soia.

Numeri drammatici

E anche le foreste dell’Ue stanno soffrendo poiché sono sempre più frammentate e stanno perdendo biodiversità. Senza dimenticare che la distruzione degli ecosistemi per accedere alle risorse naturali, coltivare colture e pascolare gli animali spesso va di pari passo con la violazione dei diritti delle popolazioni indigene o altre violazioni dei diritti umani. Nel 2020, Global Witness ha registrato 227 attacchi mortali a difensori dell’ambiente, il 70% dei quali stava lavorando per proteggere le foreste dalla distruzione. Le popolazioni indigene affrontano anche violenze, espropri di terre, minacce e vessazioni per difendere le aree naturali dallo sfruttamento. Secondo Sini Eräjää, attivista di Greenpeace per l’agricoltura e le foreste dell’Ue, “Le persone in Europa dovrebbero avere la garanzia che nulla nel loro carrello della spesa li renda complici della distruzione della natura. La nuova legge anti-deforestazione dell’UE deve obbligare le aziende a dimostrare che i loro prodotti non hanno causato deforestazione, distruzione dell’ecosistema o violazioni dei diritti umani, se vogliono vendere sul mercato dell’Ue. Una legge patchwork che lascia vulnerabili molte aree naturali e fornisce scappatoie per le industrie distruttive non è abbastanza buona”.

La massiccia consultazione europea chiede più trasparenza

Da settembre a dicembre 2020, la Commissione europea ha condotto una consultazione pubblica su come affrontare il contributo dell’UE alla deforestazione globale e al degrado forestale, alla quale hanno risposto oltre un milione di persone: il numero più alto di risposte per una consultazione dell’UE su un tema ambientale, e il secondo più alto di sempre. Oltre 1,1 milioni di persone hanno chiesto alla Commissione di pubblicare una legge che imponga alle aziende che vendono prodotti sul mercato dell’UE di dimostrare che le loro catene di approvvigionamento sono prive di distruzione di foreste o ecosistemi o di violazioni dei diritti umani. Hanno inoltre invitato la Commissione a richiedere alle banche che operano nell’UE di dimostrare che i loro investimenti non contribuiscono alla stessa distruzione della natura o alle violazioni dei diritti. Queste stesse richieste sono state sostenute dal Parlamento europeo nella sua relazione dell’ottobre 2020.

Le responsabilità dell’industria

Un recente rapporto di Greenpeace mostra che, mentre molte delle imprese europeee che hanno responsabilità, sono impegnate a rendere pubbliche promesse di “deforestazione zero”, stanno anche facendo pressioni sui responsabili delle decisioni dell’Ue per assicurarsi che i requisiti legali per le loro attività specifiche siano il meno possibile e il più deboli possibile. Il rapporto rivela come, ad esempio, le aziende di carta, pasta di legno e gomma sostengono che la colpa è di altri altrove, come le aziende di mangimi e carne di soia affermano di aver già affrontato il problema da sole attraverso schemi di certificazione volontaria, o come le aziende di olio di palma sostengono che non spetta all’UE agire.

La bozza trapelata

 

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

“Le bozze trapelate del prossimo progetto di legge hanno rivelato che, mentre la Commissione europea sta pianificando di proporre una serie robusta di nuove regole, i piani presentano anche alcune evidenti lacune” scrive Greenpeace, che elenca quello che manca.

Cosa manca

1: Non solo foreste

Molti altri ecosistemi vengono distrutti per produrre beni per il consumo europeo, come le zone umide come il Pantanal in Brasile per ripulire i pascoli per le mucche, le savane come il Cerrado per piantare la soia o le torbiere in Indonesia per coltivare olio di palma e legno di cellulosa. Proprio come le foreste, questi altri ecosistemi supportano i mezzi di sussistenza di molti popoli indigeni, ospitano specie rare e svolgono un ruolo importante nell’assorbimento dell’anidride carbonica e nella lotta ai cambiamenti climatici. Per l’Ong, sarebbe un fallimento significativo se la nuova legge dell’Ue lasciasse questi ecosistemi esposti spostando il disboscamento dalle foreste ad altre aree naturali. Tuttavia, le versioni trapelate del progetto di legge suggeriscono che proteggerà solo le foreste e non altri ecosistemi.

2: Sostenere le leggi internazionali sui diritti umani

I documenti trapelati mostrano che i piani della Commissione europea non includono il rispetto del diritto internazionale sui diritti umani come requisito per immettere prodotti sul mercato dell’UE, basandosi invece sulle leggi dei paesi produttori. Molti di questi paesi non hanno tradotto in diritto interno gli obblighi del diritto internazionale in materia di diritti umani. Abbiamo anche già visto esempi in cui i governi stanno rimuovendo le tutele legali per la terra dei popoli indigeni (in Brasile) o per le foreste cruciali per le comunità locali (nella Repubblica Democratica del Congo), ignorando gli obblighi del diritto internazionale. Per porre fine alla complicità dell’Europa nelle violazioni dei diritti umani e proteggere efficacemente i diritti delle popolazioni indigene e delle comunità locali, la nuova legge dell’UE deve richiedere alle aziende di dimostrare che i prodotti venduti qui sono conformi alle leggi nazionali e internazionali sui diritti umani.

3: Copre tutte le materie prime e i prodotti derivati ​​che mettono a rischio le foreste e gli ecosistemi

La produzione e il consumo di molti prodotti diversi mettono a rischio foreste ed ecosistemi. Documenti trapelati mostrano che la Commissione europea prevede di regolamentare solo sei di questi prodotti: manzo, olio di palma, soia, caffè, cacao e legno. Le bozze in particolare escludono gomma e mais, il che ha portato a critiche sull’uso da parte della Commissione di numeri errati per giustificare questa esclusione. Le bozze includono anche solo manzo, ma non altre carni (come maiale e pollame). Inoltre, elencare i prodotti derivati ​​uno per uno, invece di utilizzare una clausola generale che copra qualsiasi prodotto quando deriva da materie prime a rischio forestale ed ecosistemico, potrebbe creare scappatoie. La soia è inclusa come merce, ma mancano i panelli di soia e altri residui solidi di soia, nonostante costituiscano una parte importante dei prodotti di soia importati nell’UE. Un elenco parziale significherebbe che la produzione di molte materie prime per il mercato dell’UE rimarrebbe non regolamentata. Per proteggere la natura, la legge deve applicarsi a tutti i prodotti contenenti o derivati ​​da materie prime che comportano rischi per le foreste e altri ecosistemi.

4: parità di condizioni per tutti i paesi

La distruzione delle foreste e degli ecosistemi per far posto alla produzione di materie prime avviene in tutto il mondo. In qualsiasi paese, i rischi per gli ecosistemi possono cambiare rapidamente e le aziende che si approvvigionano di materie prime devono essere in grado di reagire rapidamente. Ecco perché è fondamentale che tutte le aziende siano obbligate ad applicare procedure di due diligence (valutazione e mitigazione del rischio) a tutte le materie prime di tutti i paesi. Tuttavia, le proposte trapelate mostrano che la Commissione intende introdurre un elenco di “paesi a basso rischio”, i cui prodotti non dovrebbero essere sottoposti a due diligence prima di essere immessi sul mercato dell’UE. Ciò potrebbe portare a scappatoie, distorcere i flussi commerciali a vantaggio di presunti “paesi a basso rischio” e persino promuovere l’uso di questi paesi come hub per il riciclaggio di materie prime da quelli ad alto rischio.

5: Segui i soldi

I finanziatori con sede nei 27 Stati membri dell’UE hanno ricavato circa 401 milioni di euro di proventi dalla sola distruzione delle foreste dal 2016. Tuttavia, le proposte trapelate chiudono un occhio sull’intero settore finanziario. Le proposte trapelate fanno riferimento ad altre politiche dell’UE per affrontare questo problema, nessuna delle quali obbliga le istituzioni finanziarie a garantire che non finanzino la distruzione dell’ecosistema.

 

Cosa deve essere conservato?

Continuare con forti controlli della catena di approvvigionamento

La Commissione dovrebbe stabilire criteri chiari di sostenibilità ambientale per alcuni prodotti, andando oltre ciò che è considerato legale nei paesi produttori. Si tratta di un importante passo avanti rispetto a iniziative simili, ma grossolanamente insufficienti, dei governi degli Stati Uniti e del Regno Unito e costituirà un precedente internazionale.

Le bozze di proposta si basano anche su regole forti (c.d. due diligence) che le imprese dovranno rispettare prima di poter immettere i propri prodotti sul mercato UE (pur con la problematica esenzione delle commodities provenienti dai cosiddetti “paesi a basso rischio” di cui al punto 4 sopra). Le regole dovrebbero anche obbligare le aziende a determinare esattamente da dove provengono le loro materie prime. Rispetto ad altre precedenti normative dell’Ue, come il regolamento sul legname, le bozze promettono anche una maggiore applicazione della legge, ad esempio assegnando responsabilità chiare ai funzionari doganali e sanzioni più dettagliate per le aziende che violano le regole. Infine, il disegno di legge deve includere una definizione ferma di “degrado forestale” in relazione ai prodotti sul mercato dell’Ue e il riconoscimento che, data la loro mancanza di efficacia, i sistemi di certificazione privati ​​possono svolgere solo un ruolo molto limitato e non possono sostituire quelli dell’operatore responsabilità di condurre la due diligence

Prossimi passi

La pubblicazione della proposta della Commissione darà il via a tornate di negoziati sia al Parlamento europeo che tra i ministri nazionali. In Parlamento, i deputati della commissione per l’ambiente dovrebbero assumere la guida, mentre i ministri stanno ancora discutendo se i ministri dell’ambiente o dell’agricoltura debbano essere in carica. I negoziati tra i ministri nazionali dovrebbero iniziare seriamente durante la presidenza francese del Consiglio dell’UE nella prima metà del 2022.