Avvertenze allergeni, perché per la maggioranza dei consumatori sono poco chiare (e come andrebbero cambiate)

Le avvertenze sulla presenza degli allergeni nei prodotti alimentari sono comunemente considerate poco chiare. A dirlo uno studio dei ricercatori olandesi che hanno valutato la comprensione dei consumatori delle informazioni sulle allergie sulle etichette degli alimenti, trovando che per meno della metà delle persone il messaggio era chiaro.

Lo studio

Lo studio, come riporta FoodNavigator, pubblicato sulla rivista Clinical & Experimental Allergy, ha coinvolto due esperimenti separati con un totale di 96 consumatori con allergie alimentari e 105 senza. Gli investigatori hanno presentato per la prima volta in modo casuale 18 diversi prodotti alimentari con etichette che suggerivano che l’arachide fosse, potesse essere o non fosse un ingrediente. Hanno quindi presentato tre diversi formati di informazioni: “Prodotto in fabbrica” ​​e “Può contenere” o “Tracce di”. Le etichette precauzionali degli allergeni (Pal) risultavano “particolarmente problematiche”. L’etichettatura volontaria serve per indicare che gli allergeni potrebbero essere presenti involontariamente in un prodotto e quindi rappresentare un rischio per i consumatori sensibili. Per quanto riguarda le etichette precauzionali, i consumatori hanno attribuito un rischio di reazione compreso tra il 2% e il 99% e valutazioni di comprensibilità comprese tra l’1% e il 98%.

L’etichettatura degli allergeni non riesce a proteggere le persone

Come scrive FoodNavigator, “Ciò suggerisce che le dichiarazioni precauzionali come “può contenere arachidi” hanno scarso valore per i consumatori e possono portare a restrizioni dietetiche inadeguate o comportamenti a rischio, hanno avvertito i ricercatori”. L’autore principale Bregje Holleman, dell’Università di Utrecht nei Paesi Bassi. “Dal punto di vista della comunicazione, è logico che i consumatori attribuiscano livelli di rischio diversi alle avvertenze formulate in modo diverso. Ma poiché i produttori probabilmente intendono comunicare lo stesso identico livello di rischio con ciascuna di queste avvertenze diverse, consigliamo di utilizzare solo la formulazione Pal”.

I punti deboli evidenziati dal Consiglio europeo per l’informazione alimentare

Il Consiglio europeo per l’informazione alimentare ha evidenziato ulteriori carenze dell’etichettatura precauzionale. “Le etichette precauzionali sono del tutto volontarie e le politiche delle diverse aziende variano sia per quanto riguarda il livello di rischio richiesto per garantire un’etichetta, sia come esprimere o esprimere tale rischio sull’etichetta. Ciò può creare confusione per i consumatori, poiché l’esatto livello di rischio rappresentato da quel prodotto non è chiaro”, ha sottolineato il gruppo no-profit. Tim McLachlan, amministratore delegato del gruppo Natasha Allergy Research Foundation, concorda sul fatto che i requisiti di etichettatura così come sono non riescono a proteggere i consumatori. “Questo studio dimostra ancora una volta che un’etichettatura chiara degli alimenti è essenziale per proteggere le persone con allergie alimentari. Un’etichettatura poco chiara causa confusione e incomprensioni e può portare le persone con allergie alimentari a mangiare inconsapevolmente cibi a cui sono allergici che, per alcuni, possono essere fatali”, ha detto a FoodNavigator.

La legge inglese che migliora la trasparenza

La Natasha Allergy Research Foundation ha condotto con successo una campagna per il cambiamento nel Regno Unito dopo la tragica morte dell’adolescente Nathasha Ednan-Laperouse. Dal 1 ottobre, tutti gli alimenti preconfezionati prodotti e venduti negli stessi locali, come panini e insalate, dovranno elencare tutti gli ingredienti. “Questo è un passo importante e darà alle persone con allergie alimentari l’opportunità e la fiducia di prendere decisioni sicure e informate quando acquistano questi alimenti”, ha affermato McLachlan. Tuttavia, ha continuato, “Vorremmo vedere tutti gli ingredienti elencati su tutti i prodotti alimentari in modo che le persone con allergie alimentari possano fare scelte informate e sicure su ciò che mangiano ovunque venga acquistato o servito”.