Pesca sostenibile, l’etichetta Msc è veramente credibile? L’inchiesta del Guardian

L’Msc è il marchio di qualità ecologica della pesca più conosciuto al mondo. Il quotidiano inglese The Guardian, con una lunga inchiesta, si domanda però se le garanzie dell’etichetta siano quelle promesse, o alla prova dei fatti si tratti solo di marketing.  “Cacciate fino all’estinzione prima di un parziale divieto di caccia alle balene nel 1935, le balene franche del Nord Atlantico sono ancora una volta in grave pericolo, con solo 356 rimaste. La principale minaccia rimane il contatto umano: impigliamento negli attrezzi da pesca e scioperi delle navi” scrive il Guardian, che aggiunge: “Ciò che lo rende ancora più preoccupante per gli ambientalisti è che alcune delle attività di pesca che dicono minacciano la balena franca sono state certificate come “sostenibili” dal più grande programma di certificazione della pesca del mondo: il Marine Stewardship Council (Msc)”.

L’etichetta più famosa

L’Msc, che concede il diritto di utilizzare la sua nota etichetta “segno di spunta blu” sui prodotti, è passata da 315 attività di pesca certificate nel 2017 a 421, rappresentando il 14% di tutti gli sbarchi globali di pesce. Nell’ultimo anno i suoi prodotti etichettati valevano 12 miliardi di dollari (9,5 miliardi di sterline). In assenza di governi che si prendano cura dei nostri oceani, “il Msc è sicuramente il migliore che abbiamo” in termini di etichette dei consumatori”, secondo Ruth Westcott dell’alleanza ambientale Sustain. L’Msc ha fatto notizia a marzo, tuttavia, quando il controverso documentario di Netflix Seaspiracy l’ha accusata di certificare la pesca con un alto livello di “cattura accessoria” – per cui specie come delfini e tartarughe vengono catturate nelle reti da pesca – e ha affermato che la sua certificazione era troppo facile da raggiungere. Il Msc ha negato le accuse e, insieme a diverse altre organizzazioni, ha accusato i registi di fare affermazioni “fuorvianti”. Anche i produttori negano.

La spia d’allarme delle bandiere franche

“Ma la difficile situazione delle balene franche mostra quanto sia sottile il confine che Msc deve percorrere, tra gli ambientalisti e l’industria della pesca, e ha riacceso un acceso dibattito su cosa significhi quando vedi un’etichetta Msc blu su una confezione di pesce al supermercato” scrive il Guardian. Certamente, la presenza di attività di pesca certificate MSC lungo la rotta migratoria di uno dei mammiferi più a rischio del mondo è diventata emblematica delle contraddizioni che l’organizzazione deve affrontare. Anche una balena morta all’anno avvicina la specie all’estinzione.

Chi ha già cambiato metodo

Un altro marchio di qualità ecologica, dal gruppo di conservazione WWF, prende una strada diversa. Questo mese, il Wwf Hong Kong ha rivisto la sua guida ai frutti di mare per declassare “l’aragosta di Boston”, il termine generico cinese per tutte le specie di aragoste americane con due artigli, abbassandoli a livello “rosso/da evitare” perché le loro zone di raccolta si sovrappongono all’habitat delle balene franche del Nord Atlantico. Perché allora, dicono gli ambientalisti, Msc dovrebbe dare il via libera a qualsiasi attività di pesca nella zona delle balene franche? I critici sostengono anche che la natura stessa del modello Msc, con la pesca che paga per essere certificata, pone un conflitto di interessi.

La posizione di Msc

Secondo il Guardian, il nocciolo della questione potrebbe risiedere nel fatto che l’MSC esiste non solo per proteggere l’ambiente, ma anche per garantire una fiorente attività di pesca Rupert Howes, amministratore delegato di Msc, afferma che si tratta di “gestione delle risorse”, non di pura conservazione: “Siamo appassionati degli oceani e degli ecosistemi marini e della resilienza degli oceani”, afferma, “ma siamo anche profondamente preoccupati per l’insicurezza alimentare globale e in effetti i 500 milioni di mezzi di sussistenza stimati dalla Fao dipendono dai prodotti ittici globali. industria”. Ammette che l’organizzazione “non è perfetta” e dice che il livello di critica è “difficile”. “C’è una tendenza per tutti a volere che risolviamo i loro problemi particolari”, afferma Howes. “E c’è un limite. Siamo già complessi e costosi rispetto ad altre assicurazioni”. Sostiene che il sistema Msc è di gran lunga superiore all’autocertificazione del settore; osserva inoltre che, mentre alcune organizzazioni promuovono progetti di miglioramento, molte non hanno tracciabilità, piano d’azione o risultato. A differenza di altri marchi di qualità ecologica, con la “ricerca a tavolino”, afferma Howe, Msc lavora con la pesca per “guidare miglioramenti”.

Come certifica Msc

Per essere certificati da MSC ci vogliono fino a 18 mesi. In primo luogo, un’attività di pesca viene valutata da “organismi di valutazione della conformità” (Cab) indipendenti. Visitano le zone di pesca, consultano esperti e considerano tutti i dati disponibili per decidere se soddisfano i criteri Msc. Esistono diversi controlli e contrappesi, compreso il monitoraggio da parte di terzi dei Cab e una valutazione indipendente della valutazione. Inoltre, le organizzazioni ambientali possono opporsi alla certificazione, che spesso si traduce in condizioni aggiuntive poste sulla pesca. Sedici delle sue 421 attività di pesca sono attualmente sospese, tra cui la pesca dell’aragosta nel Golfo del Maine e la pesca del granchio delle nevi del Golfo di St Lawrence, che ora si è ritirata del tutto dall’Msc. Negli ultimi cinque anni, un quarto di tutte le nuove valutazioni si è concluso senza certificazione.

Le critiche degli ambientalisti

Ma decine di organizzazioni hanno espresso preoccupazione per il fatto che il processo di certificazione di Msc non tiene adeguatamente conto delle catture accessorie, in particolare di squali e cetacei. Nel 2018, un gruppo di 66 gruppi di conservazione e accademici ha accusato il Mscdi non prestare sufficiente attenzione alla protezione delle specie non specificamente prese di mira dalla pesca. Nel 2017, a causa delle minacce alle specie in via di estinzione, O’Connell e 53 organizzazioni internazionali hanno esortato l’Msc a rivalutare una serie di attività di pesca, tra cui la pesca dell’aragosta nel Golfo del Maine. Lo stesso anno, Mscha sospeso una pesca “sostenibile” di granchi delle nevi, nel Golfo di San Lorenzo, dopo che le balene franche sono state trovate morte nei suoi attrezzi da pesca. Ma non ha sospeso la pesca dell’aragosta fino al 2020, dopo che il giudice federale aveva stabilito che le autorità di pesca statunitensi avevano trascurato l’impatto della pesca dell’aragosta sulle balene franche.

Revisione in corso

Il Msc afferma che sta intraprendendo una revisione dello standard di pesca su cui basa la sua certificazione. Come parte della revisione, ha proposto un “approccio più precauzionale” alle specie in via di estinzione, minacciate e protette. La revisione terminerà nel 2022. Tuttavia, a causa delle norme della Fao che consentono alle attività di pesca di conformarsi per tre anni, è probabile che eventuali modifiche non entreranno in vigore almeno fino al 2023 per le nuove attività di pesca e al 2025 per quelle già incluse nel programma.

La richiesta del Wwf

Nel frattempo, Rory Crawford, di BirdLife International, uno degli stakeholder del consiglio consultivo di Msc ha condotto uno studio su 23 tipi di pesca nel 2019 e ha scoperto che solo tre stavano lavorando attivamente per monitorare e ridurre al minimo le catture accessorie.
“I consumatori non possono essere pienamente sicuri che il pesce certificato arrivi senza impatti sulle specie non bersaglio, dagli squali agli uccelli marini alle balene”, ha concluso. Ruth Westcott, coordinatrice della campagna presso l’alleanza ambientale Sustain, afferma che in assenza di governi che si prendono cura dei nostri oceani, “il Msc è sicuramente il migliore che abbiamo” in termini di etichette.  mentre il Wwf, che ha co-creato lo schema Msc due decenni fa, è forse l’organizzazione di più alto profilo che ne chiede la riforma.