Malnutrizione, scontri a fuoco e l’aggravante pandemia”. Così la caccia alla terra in Amazzonia minaccia il popolo yanomami

“Una spirale di violenza, malnutrizione e malattie che minaccia una nuova devastazione per il popolo yanomami e il suo territorio ancestrale nello stato amazzonico di Roraima”. Con queste parole, il Guardian racconta la drammatica situazione della popolazione scacciata via dagli accaparratori di terra, spesso in cerca di terreno per nuovi allevamenti e coltivazioni di soia, ma in questo caso interessati all’estrazione mineraria. “La fotografia di una emaciata ragazza yanomami, rannicchiata svogliatamente su un’amaca accanto a una pentola vuota sopra un fuoco spento. Filmati traballanti di indigeni che urlano mentre fuggono in preda al panico al suono di una colonna sonora di spari” scrive il quotidiano inglese, descrivendo le immagini scioccanti condivise sui social media brasiliani.  “Gli Yanomami stanno affrontando una crisi umanitaria, che è così critica come alla fine degli anni ’80, quando il territorio fu invaso da 40.000 minatori illegali”, ha detto l’antropologa Ana Maria Machado, membro della Rete Pro-Yanomami e Ye’kwana.

L’assalto dei “garimpeiros”

Circa 27.000 Yanomami vivono nella riserva grande quanto il Portogallo. Ma negli ultimi anni, il territorio ha visto una nuova invasione da parte di circa 20.000 minatori irregolari, noti come garimpeiros. L’anno scorso l’afflusso ha causato un aumento del 30% delle attività estrattive illegali all’interno del territorio e ha portato anche malattie infettive. Gli ultimi cinque anni hanno visto un aumento di quasi il 500% dei casi di malaria nella riserva, mentre nei primi otto mesi del 2020 sono stati segnalati quasi 14.000 nuovi casi e nove decessi per malattia. La pandemia di coronavirus ha peggiorato la situazione: secondo i dati del governo, più di 1.640 persone yanomami hanno contratto il Covid-19 e 13 persone sono morte per questo, anche se i leader indigeni dicono che la cifra reale è più alta.  “Stiamo affrontando molte difficoltà: mancano professionisti, farmaci come la clorochina per curare la malaria e attrezzature”, ha detto Júnior Hekurari Yanomami, il capo di Condisi-YY, un consiglio sanitario indigeno. Hekurari ha detto che i leader tribali si erano ripetutamente appellati alle autorità federali per le invasioni della terra e la crisi sanitaria.

Le responsabilità di Bolsonaro

Secondo il Guardian, da quando Jair Bolsonaro è salito al potere, le tensioni tra gli accaparratori di terre, i minatori illegali e le popolazioni indigene sono aumentate costantemente. Bolsonaro sostiene disegni di leggi per aprire le aree protette indigene all’estrazione mineraria e che trasferirebbero la proprietà di vaste aree di terra a occupanti abusivi. Ha anche incoraggiato minatori, taglialegna e accaparratori di terre indebolendo Funai, l’agenzia federale incaricata di proteggere la popolazione indigena del Brasile, e affermando ripetutamente che i territori indigeni sono “troppo grandi”.

Gli scontri a fuoco

“La recente esplosione di violenza è avvenuta dopo che gli indigeni hanno impedito ai minatori di utilizzare il fiume Uraricoera per raggiungere uno dei loro campi. Per rappresaglia, i garimpeiros hanno effettuato una serie di attacchi contro villaggi isolati, dove hanno scambiato il fuoco con gli yanomami” spiega il Guardian. Tre garimpeiros sono morti e cinque persone, tra cui un indigeno, sono rimaste ferite nell’attacco del 24 aprile al villaggio di Palimiú, ha detto Hekurari, che ha visitato il territorio poco dopo. Truppe e agenti di polizia sono stati inviati a Palimiú per evitare nuovi scontri, ma le violenze hanno già costretto una squadra del ministero della salute a lasciare il villaggio.

La pandemia ha aggravato la carenza di sanità pubblica in molte zone

La pandemia ha aggravato l’insicurezza alimentare in tutto il Brasile, ma in particolare nelle comunità indigene, dove la malnutrizione era già un grave problema. Secondo uno studio dell’Unicef, otto bambini yanomami su 10 sono malnutriti. Carlo Zacquini, un missionario cattolico che ha pubblicato la foto della ragazza denutrita e ammalata, ha detto che la regione in cui vive manca di assistenza sanitaria di base. “Ci sono villaggi lontani dalle unità sanitarie che sono stati senza cure per mesi, a volte anni”, ha detto.