Apple ha importato divise per i suoi dipendenti fatte con lavoro forzato?

apple
"Hong Kong, China - October 20, 2011: People in the Apple Store at International Finance Center, Central Hong Kong, opened on the September 24, 2011. With 15000 square feet and 300 employees it is one of the biggest apple stores in the world."

Apple ha importato vestiti, probabilmente divise per il personale nei negozi, da un’azienda che sotto sanzioni statunitensi per il lavoro forzato in Cina. A dirlo è un’inchiesta del quotidiano The Guardian, secondo cui i dettagli arrivano una settimana dopo che l’amministratore delegato di Apple, Tim Cook, ha dichiarato al Congresso degli Stati Uniti che non avrebbe tollerato il lavoro forzato o la schiavitù moderna nelle catene di fornitura dell’azienda. Un portavoce di Apple ha affermato che la società ha confermato che nessuno dei suoi fornitori attualmente si rifornisce di cotone dallo Xinjiang, ma ha rifiutato di commentare eventuali irregolarità passate.

Le sanzioni

Il quotidiano inglese scrive: “Il governo degli Stati Uniti a luglio ha imposto sanzioni a Changji Esquel Textile, un’unità del gruppo di abbigliamento di Hong Kong Esquel, insieme ad altre 10 società cinesi per presunte violazioni dei diritti umani nella regione dello Xinjiang, compreso il lavoro forzato”. Le sanzioni impediscono alle aziende di acquistare tecnologia statunitense e altri beni. Il segretario al commercio degli Stati Uniti, Wilbur Ross, ha detto che l’obbiettivo è impedire che i prodotti statunitensi vengano utilizzati nella “spregevole offensiva del partito comunista cinese contro le minoranze musulmane indifese”. Esquel ha negato le accuse di abusi. “Non abbiamo assolutamente, non utilizziamo e non utilizzeremo mai il lavoro forzato in nessuna parte della nostra azienda”, ha affermato in una dichiarazione, impegnandosi a presentare ricorso contro la sua inclusione nell’elenco e aggiungendo che un audit internazionale nel 2019 ha confermato che non c’erano giorno di schiavitù in fabbrica. Un mese prima che le sanzioni venissero annunciate, Esquel aveva inviato una spedizione di camicie in maglia di cotone ed elastan da donna ai “negozi Apple Retail” in California, come ha mostrato il database gestito dal fornitore globale di informazioni sulle spedizioni Panjiva. Tali registrazioni sono state identificate dal Tech Transparency Project. Esquel fornisce molte delle principali aziende di abbigliamento statunitensi tra cui Patagonia, Nike e Tommy Hilfiger. Nel caso del colosso dell’Hi-tech, Esquel avrebbe fornito principalmente sulle uniformi indossate dal personale nei negozi Apple. “Fino a poco tempo, il sito web di Esquel elencava Apple come un ‘cliente importante’, secondo un rapporto pubblicato a marzo dall’Australian Strategic Policy Institute (ASPI) sulle aziende cinesi che utilizzavano il lavoro forzato nello Xinjiang per fornire marchi globali” scrive The Guardian, secondo cui “Nel 2014 Apple ed Esquel hanno deciso di produrre uniformi più sostenibili utilizzando 100 tonnellate metriche di rifiuti di cotone riciclato, secondo quanto riportato dalla pubblicazione di settore Just Style”.

Le persecuzioni

Nello stesso anno Esquel ha spedito più di 50mila unità ad Arvato Digital Services, una società di logistica che lavora con Apple, come mostrano i registri di Panjiva. Apple era elencata nei registri di spedizione come la “parte di contatto”. Nel 2018, una presentazione a una conferenza di settore da parte dell’amministratore delegato di Esquel, John Cheh, ha evidenziato Apple come un “cliente importante” del braccio vietnamita dell’azienda, fornendo immagini delle divise del personale blu e rosse prodotte nelle sue fabbriche. Ma il Guardian obbietta: “Quelle unità non sono sulla lista delle sanzioni, ma le camicie che hanno prodotto probabilmente includevano cotone coltivato nello Xinjiang, la regione cinese in cui la persecuzione delle autorità cinesi contro le minoranze per lo più musulmane ha incluso il lavoro forzato”.

Le dichiarazioni di Apple

Apple ha dichiarato: “Esquel non è un fornitore diretto di Apple, ma i nostri fornitori utilizzano il cotone dei loro stabilimenti a Guangzhou e in Vietnam. Abbiamo confermato che nessun fornitore Apple acquista cotone dallo Xinjiang e non ci sono piani per il futuro approvvigionamento di cotone dalla regione “. Ma il portavoce ha rifiutato di dire da dove queste fabbriche acquistano il loro cotone grezzo. Guangzhou è una delle principali città cinesi dove non esiste un’agricoltura di cotone e i documenti pubblici di Esquel non fanno riferimento ad alcuna coltivazione di cotone in Vietnam”. Lo stesso Cheh ha elencato le fabbriche in tutta l’Asia e gli uffici in tutto il mondo, ma solo lo Xinjiang come sito per “coltivazione, sgranatura e filatura del cotone”. Ulteriori note elencavano cinque località in cui l’azienda operava nello Xinjiang. Un’altra città interessata è Kashgar, dove per più di due decenni Esquel ha avuto una joint venture con Xinjiang Production and Construction Corps (Xpcc), un’organizzazione governativa paramilitare che è stata anche sanzionata dal governo degli Stati Uniti a luglio, per il suo presunto ruolo nella perpetrazione di abusi. Esquel ha venduto la sua partecipazione nella società Xinjiang White Field Cotton Farming ad aprile, tre mesi prima che Xpcc fosse sanzionato. Non è stato detto come sostituirà il particolare tipo di cotone di alta qualità (cotone a fiocco extra lungo) fornito dalla joint venture, considerando che l’Xpcc produce circa un terzo del cotone cinese.

“Un sistema malato”

Secondo James Millward, professore di storia alla Georgetown University di Washington DC e autore di Eurasian Crossroads: A History of Xinjiang, almeno 1 milione di persone nella regione sono detenute nei campi di internamento, e molte di esse sono costrette al lavoro forzato. “Hanno contaminato le catene di approvvigionamento, hanno contaminato l’idea stessa dello Xinjiang” spiega al Guardian: “È un sistema di oppressione così profondamente radicato e ampiamente invischiato che hanno creato, che ha coinvolto centinaia di aziende in Cina e al di fuori della Cina”, “Fanno affari con la provincia, fanno affari con le amministrazioni locali, fanno affari con l’Xpcc, che gestiscono tutti campi di concentramento e sono tutti coinvolti nel trasferire le persone nei campi di concentramento in un unico tipo di lavoro forzato o involontario o altro “.

Le scuse inaccettabili delle multinazionali

Apple era già finita nella bufera per il presunto uso del lavoro forzato da parte di un fornitore quando è uscito l’elenco delle sanzioni originale a causa del suo rapporto con la società tecnologica Nanchang O-Film Tech, che produce fotocamere per alcuni iPhone. Secondo il rapporto ASPI, nel 2017 Cook ha visitato uno stabilimento aziendale nel sud della Cina. Testimoniando al Congresso la scorsa settimana, Cook ha descritto il lavoro forzato come “abominevole”. “Non lo tollereremmo. Termineremmo un rapporto con il fornitore se fosse trovato “, ha detto, aggiungendo che sarebbe disposto a lavorare sulla legislazione per vietare il lavoro forzato. Ma Millward ribatte: “Il modo in cui le aziende ci hanno pensato in generale è: ‘Beh, non ho fabbriche nello Xinjiang, quindi non posso essere coinvolto’, ma non è più sufficiente”. “Devi vedere se qualcuna delle aziende con cui hai a che fare ha a che fare con lo Xinjiang”.