L’esposizione prenatale ai pesticidi associata alla paralisi cerebrale dei neonati

La paralisi cerebrale (Cp) è la disabilità neuromotoria più comune nei bambini piccoli (negli Stati Uniti colpisce 2-3 neonati ogni mille). Una mancanza di ossigeno alla nascita (asfissia) o un trauma cranico sono presenti in meno del 10% di tutti i casi, e le cause della maggior parte dei casi rimane inspiegabile.

Tra le cause di questa patologia ci sono le interruzioni della funzione ormonale materna durante la gravidanza. Un’équipe di scienziati danesi e statunitensi ha studiato se l’esposizione prenatale a composti di pesticidi con azione di disturbo endocrino influisse sul rischio di paralisi celebrale. E i risultati, pubblicati sulla rivista Toxic qualche giorno fa danno il senso di quanto queste sostanze ampiamente usate in agricoltura negli Stati Uniti siano pericolose.

La ricerca

I ricercatori hanno condotto uno studio caso-controllo su 3905 casi di CP e 39.377 controlli nati tra il 1998 e il 2010 in California da madri che vivevano in prossimità (entro 2 km) di un luogo in cui fosse registrata qualsiasi applicazione di pesticidi agricoli nel sistema California Pesticide Use Reporting (PUR). Gli scienziati si sono concentrati su 23 pesticidi considerati interferenti endocrini che vengono utilizzati frequentemente e hanno scoperto che l’esposizione a uno qualsiasi dei 23 pesticidi nel primo trimestre era associata a rischi elevati di PC nella prole femminile (OR = 1,19; IC 95%: 1,05-1,35) ma non in quella maschile (OR = 0,99; IC 95%: 0,89-1,09) rispetto alla prole non esposta.

Sono state stimate associazioni positive per 15 pesticidi sospettati di influenzare gli estrogeni e 7 pesticidi sospettati di influenzare il sistema degli ormoni tiroidei. “Il nostro studio suggerisce che l’esposizione del primo trimestre a pesticidi sospettati di interferenti endocrini è associata al rischio di PC nella prole femminile. L’esposizione ai pesticidi all’inizio della gravidanza può avere influenze sesso-specifiche sullo sviluppo neuromotorio del feto, interferendo con i sistemi endocrini” scrive il team a conclusione dello studio.

Cos’è la paralisi cerebrale dei neonati

È dovuta ad una lesione persistente del sistema nervoso centrale che influisce sull’evoluzione neuromotoria e cognitiva e comprende un gruppo di turbe motorie non progressive che causano disabilità fisica nello stadio precoce dello sviluppo, principalmente in aree relative al movimento corporeo.

È una condizione permanente, con più della metà dei bambini che necessitano di dispositivi di assistenza come deambulatori o sedie a rotelle, e molti soffrono di altre importanti disabilità dello sviluppo tra cui problemi di comunicazione e comportamentali, epilessia, ritardo mentale e problemi muscoloscheletrici secondari.