Le frodi della carne bovina: un report ventennale spiega quali sono le più comuni

La frodi alimentari che ruotano attorno alla carne sono tra quelle che colpiscono più i consumatori, probabilmente perché riguardano uno dei cibi più diffusi e per la paura di problemi alla salute per prodotti andati a male. Inoltre sono tra le tipologie di frodi più represse. Come riporta FoodNavigator, i ricercatori della Queen’s University di Belfast hanno indagato sulla vulnerabilità nella catena di approvvigionamento delle carni bovine . Per fare ciò, hanno analizzato le frodi alimentari segnalate nella catena di approvvigionamento delle carni bovine per un periodo di 20 anni, tra il 1997 e il 2017. Tra questi, per esempio, la frode alimentare nella catena di approvvigionamento della carne bovina nel 2013, lo scandalo “Horsemeat”, quando è stata identificata la carne di cavallo nei preparati surgelati e nei prodotti a base di carne che si dice contenessero carne bovina, come per esempio le lasagne. Kelsey Robson dell’Istituto per la sicurezza alimentare globale dell’università, tra gli autori dello studio, ha spiegato a FoodNavigator: “Comprendendo meglio la frode che si sta verificando, possiamo mirare alla prevenzione, all’individuazione e alla mitigazione delle frodi e, quindi, a proteggere meglio l’approvvigionamento alimentare”.

Oltre 400 segnalazioni di frode bovina

La recensione ha esaminato i registri storici delle frodi alimentari utilizzando il sistema di allarme rapido e feed (RASFF) e HorizonScan. I ricercatori hanno quindi estratto e analizzato i dati rilevanti per determinarne il modello generale. “Ho trovato 413 segnalazioni di frodi relative a frodi alimentari nella catena di approvvigionamento delle carni bovine tra il 1997-2017”, ha affermato Robson.

La maggior parte in fase di macellazione

I risultati hanno rivelato che la trasformazione primaria è l’area più vulnerabile, che rappresenta il 35,8% dei casi trovati nel report, e si riferisce a quando l’animale viene macellato e il quinto quarto (frattaglie) rimosso. E la contraffazione è risultata essere il tipo più comune di frode, rappresentando il 42,9% dei casi identificati. “La contraffazione si riferisce a prodotti che sono stati prodotti illegalmente con l’intenzione di imitare o copiare la sua controparte legittima”, spiega Robson. “Ciò include i prodotti provenienti da locali non approvati, prodotti senza ispezione o trovati con documentazione fraudolenta o mancante, come certificati di ingresso o certificati sanitari (documenti falsificati o altrimenti fraudolenti), suggerendo che la produzione illegale ha rappresentato la maggior parte delle frodi identificate in questo recensione “.

2013, annus horribilis

Durante l’analisi dei risultati, i ricercatori hanno osservato che la maggior parte delle segnalazioni di frodi per un dato anno si è verificata nel 2013, lo stesso anno dello scandalo per la carne di cavallo. Tuttavia, prima della crisi della carne del 2013 sono state segnalate più frodi che dopo. “Ciò è probabilmente dovuto al fatto che nello studio sono stati inclusi meno anni dopo il 2013 rispetto a prima, non a causa di una riduzione delle frodi”, ha sottolineato Robson.

Ci sono zone più colpite?

Per quanto riguarda le aree geografiche, i ricercatori non sono stati in grado di individuare un’area nel mondo che ha maggiori probabilità di avere un numero maggiore di segnalazioni di frodi rispetto ad altre, a causa dell’elevato numero di fattori che influenzano la frode.Ad esempio, ci sono molti paesi che stanno segnalando più frodi di altri. È più probabile che questi paesi stiano testando di più e abbiano più regolamenti di altri paesi, secondo i ricercatori.

Il rischio di aumento a causa del Covid

Food Navigator ha chiesto all’autore dello studio se ha osservato una tendenza al rialzo delle frodi alimentari nel periodo 1997-2017 e se si aspetta che continui. Robson ha affermato che è difficile dirlo ma ha aggiunto: “In futuro, penso che vedremo più frodi alimentari, non specificamente nella fornitura di carne ma tutti i prodotti alimentari, ma ciò non significa che si verificheranno più eventi, ma che l’industria, il governo e gli accademici sono più consapevoli delle frodi alimentari e meglio in grado di rilevarlo. In secondo luogo, con l’attuale situazione Covid, l’offerta di cibo è stata colpita e la frode aumenterà a causa di un minor numero di controlli e audit durante la pandemia.”