“Così facevo contratti di gas e energia falsi”. La confessione del venditore porta a porta

Negli anni al Salvagente sono arrivate tantissime lamentele da parte di consumatori arrabbiati per tentativi, a volte riusciti, di estorcere un contratto di energia da parte di venditori senza scrupoli. Uno di loro, finalmente, si racconta, senza lesinare dettagli sui trucchetti usati. Si tratta di un venditore porta a porta francese, intervista dal magazine Que choisir, che nel paese d’oltralpe ha lavorato per un subappaltatore di Iberdrola e Engie.

La storia di Sylvain

Sylvain, questo il nome fittizio che Que choisir da al venditore per proteggerne l’anonimato, ha iniziato quel tipo di lavoro con due giorni di intensa formazione contrattuale. “Dopo alcune spiegazioni, le nuove reclute passano al lavoro pratico. Interpretiamo il venditore e il suo cliente sotto l’occhio esperto del manager, ci scambiamo ruoli e chi sarà il più convincente”. Da lì le squadre partono coprendo un’area geografica alla ricerca di nuovi clienti. Ogni mattina Sylvain consulta Google Maps e sceglie un settore densamente popolato servito dal gas in modo che possa stipulare due contratti contemporaneamente, quello del gas e dell’elettricità, e ricevere doppia provvigione. Dopo aver verificato che ci siano molte valvole del gas nel quartiere, inizia il raid.

“Inventiamo la data e il luogo di nascita”

L’obiettivo è stipulare il maggior numero possibile di contratti e il datore di lavoro non è attento ai metodi. “L’ideale è incontrare potenziali clienti e convincerli, ma per adempiere a un contratto, puoi anche farne a meno”, spiega Sylvain. “Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è il punto di consegna per l’elettricità, il punto di dosaggio per il gas. È impossibile con i contatori convenzionali, ma con Linky (contatore elettrico al centro di polemiche per la sicurezza in Francia, ndr) è molto semplice, apriamo gli armadi o le casse, notiamo il numero. Prendiamo il nome dalla cassetta postale, inventiamo la data e il luogo di nascita.

“Chiamiamo il fornitore spacciandoci per il cliente”

Per scoprire il nome dell’attuale fornitore, chiamiamo Enedis fingendo di essere la persona e inventando un problema insolubile. Una volta che l’abbiamo, tutto ciò che dobbiamo fare è firmare un nuovo contratto”. Per il gas, i venditori cercano tracce, come carte da visita dei manutentori dei fornitori attuali, quando non riescono a trovarle, la tecnica è ben consolidata. Suonano e dicono che passano per la lettura del contatore. Ovviamente rilevano un’anomalia, chiedono le fatture per verificare che il cliente non abbia un guasto, tracciano lì tutte le informazioni necessarie e mostrano un “avviso di passaggio” da firmare al malcapitato, che in realtà non è altro che l’ultima pagina del contratto.

Anche 5000 euro al mese fregando il prossimo

“I primi giorni ci interroghiamo, non è pulito, abbiamo dei dubbi” ricorda Sylvain, “ma poi facciamo una buona vita e dimentichiamo rapidamente. La remunerazione è in realtà un incentivo. Sono 50 euro per contratto e, date le pratiche, è facile rastrellare in più al giorno. Quando il venditore diretto incontra il cliente, sono 25 euro in più se stipula un’assicurazione per guasti idraulici con canone mensile e altri 10 euro se gli vende un abbonamenti a servizi accessori. Secondo questo schema, Sylvain e i suoi colleghi intascano da 4 a 5mila euro al mese senza troppi sforzi.

La proposta di Que choisir

Secondo Que choisir, “L’unica soluzione per proteggere i consumatori è vietare il marketing diretto porta a porta, indipendentemente dal fatto che sia fatto in casa come richiesto dal mediatore nazionale dell’energia o telefonicamente come richiesto dalla nostra petizione e di alcune altre associazioni”.