Cuscini contro la sindrome della testa piatta, contrari i pediatri: “Favoriscono la morte in culla”

Si chiama plagiocefalia, in altre parole sindrome della testa piatta, ed è una condizione che preoccupa sempre di più i genitori di neonati. questo appiattimento della parte posteriore della testa, che è sempre più comune tra i più piccoli, è attribuito da molti professionisti al sonno sulla schiena, che d’altra parte dagli anni ’90 in poi è la posizione più consigliata dai pediatri per ridurre il rischio di morti in culla. E in effetti, come ricorda 60 millions, solo in Francia questa posizione ha ridotto del 75% i decessi inattesi.

Dormire a testa in su, i due lati della medaglia

L’altro lato della medaglia è che questa posizione può aumentare la possibilità di plagiocefalia. E proprio per andare incontro alle preoccupazioni dei genitori che diversi produttori hanno messo in commercio cuscini per “teste tonde”: Lovenest a Babymoov, P’tit Panda a Candide, Koala a Tinéo , senza contare i numerosi cuscini di posizionamento che rivendicano anche un effetto piatto anti-testa. Questi prodotti, spesso sviluppati consultando esperti, promettono di consentire una distribuzione uniforme della pressione sull’intero cranio e limiterebbero il fenomeno dell’appiattimento.

Pediatri: “Rischio di soffocamento se il bambino si gira”

Questi prodotti, ricorda 60 millions de consommateurs, “sono tuttavia fortemente criticati da alcuni pediatri e professionisti della salute, che credono aumentino il rischio di soffocamento per il bambino. Secondo loro, il rischio è grave se il bambino si gira e il cuscino o il poggiatesta gli ostruiscono il naso”. La dottoressa Béatrice Kugener, pediatra e capo del Centro di riferimento regionale per la morte infantile imprevista (Crmin) presso il Chu di Lione, dichiara: “Questa apparecchiatura non corrisponde alle raccomandazioni di stendersi distesi sulla schiena su una superficie solida”. Secondo le istruzioni dei pediatri che lavorano nei Crmin nulla dovrebbe essere aggiunto al letto. Un materasso rigido e una sacca per la nanna dovrebbero essere sufficienti. Questa è anche la raccomandazione pubblicata dal 2018 nel libro della salute ufficiale del ministero della Salute francese: “gli oggetti morbidi che rischiano di coprire la testa o il viso del bambino sono pericolosi (cuscino, zeppa, poggiatesta.

Produttori: mai avuto problemi di nessun tipo

Da parte loro, i produttori e i progettisti di poggiatesta negano di mettere a rischio i neonati. “A causa del suo peso e forma, Lovenest non può costituire un rischio di morte inattesa in culla, afferma il pediatra che lo ha progettato, il dott. Manuel Maidenberg. Quest’ultimo osserva i benefici del cuscino – raccomandato dalla nascita ai 4 mesi di età – nei suoi giovani pazienti. “Ripristina la mobilità della testa e riduce il rischio di plagiocefalia”. Alla Candide, la Panda Panda è stata progettata anche da un pediatra, il dottor Patrick Casin. “Nei quindici anni in cui l’abbiamo commercializzato, non abbiamo avuto riscontri sulla possibile pericolosità del prodotto”, certifica l’azienda. Questo prodotto è oggetto di rapporti di prova effettuati da laboratori accreditati come l’Istituto Francese di Tessile e Abbigliamento”.

Nessuno standard specifico per i poggiatesta

Panda P’tit è testato secondo tre standard: lo standard XP G30-106 sugli articoli per dormire in tessuto per bambini piccoli (standard sperimentale e non pubblicato, ma che può servire da riferimento per i test), lo standard NF EN ISO. 12952-1 sull’infiammabilità e norma NF EN 71-3 sulla migrazione di elementi chimici. In realtà, ricorda 60 millions, non esiste uno standard specifico per i poggiatesta, come confermato dalla direzione generale Concorrenza, prevenzione dei consumi e delle frodi (DGCCRF): “Non siamo a conoscenza di alcun piano standard in questo settore. ” L’Autorità nazionale francese per la salute pubblicherà presto raccomandazioni in materia.

Lo studio: “sindrome più collegata a assenza di movimento che ha posizione”

Secondo uno studio scientifico sulla prevenzione della plagiocefalia nei neonati, condotto da un team di medici francesi e pubblicato nel 2011, “Il recente aumento dell’incidenza della plagiocefalia può essere correlato a una mancanza di stimolazione e incoraggiamento del movimento fisico piuttosto che alla posizione di dormita sulla schiena”. I bambini i cui genitori sono stati incoraggiati durante lo studio a stimolare i loro movimenti fisici spontanei e senza ostacoli sono stati meno colpiti dalla plagiocefalia.

Alcuni consigli per evitare la pagiocefalia

Ecco alcuni suggerimenti riportati da 60 millions per aiutare a prevenire la sindrome della testa piatta:
– Lascia che il tuo bambino si muova naturalmente, il più spesso possibile, durante le sue fasi di veglia.
– Prendilo tra le tue braccia; interagisci con lui; mettilo a faccia in giù su un materassino con i suoi giocattoli
– Incoraggialo a girare la testa da una parte e dall’altra; se stai usando il biberon, alterna sinistra e destra.
– Nel suo letto, alterna le posizioni o cambia l’orientamento del letto in modo che giri la testa anche sul lato in cui è meno comodo.
– Limita il più possibile il tempo nella sedia a sdraio, nell’ovetto o nel passeggino.