L’Ue ha deciso: il clorpirifos, neurotossico per i bambini, non si potrà più usare

I rappresentanti degli Stati membri europei riuniti nel comitato per le piante, gli animali, gli alimenti e i mangimi dell’Ue (SCOPAFF) hanno votato oggi a favore della messa al bando in Europa del clorpirifos e clorpirifos metile, due pesticidi neurotossici. In due recenti dichiarazioni, l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha concluso che il clorpirifos e il clorpirifos metile non soddisfano i criteri per il rinnovo del mercato europeo della salute umana. Le dichiarazioni dell’Efsa hanno giustamente spinto la Commissione europea a proporre un non rinnovo delle due sostanze potenzialmente dannose per i bambini non ancora nati.

La messa al bando dei due pesticidi era fortemente sostenuta dai cittadini europei: sono oltre 214.500 i cittadini che hanno sostenuto una campagna che invitava i governi europei a vietare i clorpirifos in tutte le sue forme, lanciata da SumOfUs, Health and Environment Alliance (HEAL), la Rete d’azione europea contro i pesticidi PAN Europe, Generazioni Futures, ecologisti in Acción e PAN Germania.

Il clorpirifos è uno dei pesticidi più comunemente usati in Europa e i suoi residui si trovano spesso in frutta, verdura, cereali e prodotti lattiero-caseari, nonché nell’acqua potabile. L’esposizione ai clorpirifos, anche a basse dosi, è pericolosa ed è stata associata a disturbi dello sviluppo neurologico nei bambini, come aumento del rischio di autismo, perdita della memoria di lavoro, ADHD e diminuzione IQ. I bambini sono particolarmente a rischio perché il loro cervello è ancora in via di sviluppo. Molti studi hanno dimostrato che il clorpirifos è un disgregatore endocrino (EDC), ma è anche associato a disordini metabolici, tumori al seno e ai polmoni e infertilità maschile. È stato dimostrato che l’esposizione al clorpirifos danneggia il DNA. Sebbene meno ben documentato, il clorpirifos-metile chimico ha una struttura molto simile a quella dei clorpirifos e, come suo fratello, potrebbe danneggiare il DNA. Inoltre, entrambe le forme di clorpirifos condividono la stessa evidenza epidemiologica di tossicità per lo sviluppo neurologico.

Sconfitti i paesi del mediterraneo, Spagna e Italia in testa, che si erano pronunciati a favore della nuova licenza per il clorpirifos metile, molto utilizzata nel trattamento degli agrumi, ma che secondo gli scienziati ha lo stesso profilo di rischio del clorpirifos.