Il bisfenolo B è un interferente endocrino (come quello A)

“La somiglianza della struttura” tra bisfenolo A e B ha spinto gli esperti dell’Agenzia francese per la sicurezza sanitaria a considerare in una relazione pubblicata nei giorni scorsi che i rischi sono gli stessi per entrambe le sostanze. Entrambe le sostanze hanno la capacità di provocare danni al sistema ormonale.

“Il bisfenolo B ha proprietà endocrine simili a quelle del bisfenolo A”, secondo gli esperti Anses, che raccomandano di “evitare” di sostituire il secondo con il primo. L’Agenzia chiarisce che ad oggi il Bisfenolo S non è utilizzato come sostanza chimica in Europa ma nonostante ciò “si trova in campioni biologici di popolazioni europee e in alcuni ambienti in Cina”, afferma l’Agenzia.

I suoi esperti si sono basati sulla “somiglianza della struttura” tra bisfenolo A e B. Hanno “tenuto conto dei possibili effetti della BPB sull’uomo o sulla fauna selvatica osservati nei test di laboratorio condotti su diverse specie di vertebrati come roditori o pesci.

Conclusione: come bisfenolo A, il bisfenolo B ha la “capacità di interferire con la via di segnalazione degli estrogeni, ridurre la produzione di testosterone (…), alterare la spermatogenesi nei ratti e nel pesce zebra e quella riproduzione dei pesci “.

Il bisfenolo A è stato classificato a luglio 2017 a livello europeo come un interferente endocrino che potrebbe avere gravi effetti sulla salute umana. Questa classificazione dell’Agenzia europea per le sostanze chimiche, l’Echa, è stata fatta su richiesta della Francia. Alla fine di settembre, il tribunale europeo ha confermato questa classificazione, respingendo una richiesta del settore delle materie plastiche che la stava contestando.

Gli interferenti endocrini sono composti chimici presenti in molti prodotti di consumo (giocattoli, ricevute, materie plastiche, vernici, abbigliamento, prodotti fitosanitari, ecc.) che interferiscono con il sistema ormonale. L’uso del Bpa nei biberon è vietato in tutta l’UE dal 1 ° giugno 2011. In Francia, l’uso del Bpa è vietato in tutti gli imballaggi, contenitori e utensili per alimenti.