Riso, almeno il 20% delle qualità premium è taroccato (anche con carta e plastica)

Basmati, jasmine, venere. Sono tante le qualità di riso per cui si è disposti a pagare un po’ di più pur di avere un tocco diverso nel proprio piatto. La passione per i risi non tradizionali degli italiani è ormai risaputa. Quello che non è noto, invece, è che dal 20 al 50% dei casi, i risi di alta qualità sono taroccati. A dirlo è una recente ricerca che basata su una nuova tecnologia di verifica del chicco, condotta dal professor Chris Elliott dell’Institute for Global Food Security, Queen’s University di Belfast, in Irlanda del Nord.

L’origine del riso analizzato

Il riso è il secondo alimento più importante in tutto il mondo e la domanda continuerà ad aumentare con la crescita della popolazione mondiale. Questo studio ha analizzato un totale di 520 campioni di riso di diversi gradi di qualità (alta qualità, media qualità e bassa qualità) e di diversi paesi (Ghana, Tailandia e Vietnam).

Le stime

Mary McBride, direttrice della strategia di regolamentazione e standard del mercato globale presso Agilent Technologies, la società che ha finanziato la ricerca, dichiara a FoodNavigator: “Sebbene sia molto difficile da quantificare, gli esperti di sicurezza alimentare stimano che tra il 20-50% di tutto il riso di qualità premium è adulterato in una qualche forma e che fino al 20% di riso di bassa qualità è adulterato e venduto come di qualità superiore riso. Queste stime si basano su test e analisi limitati delle forniture globali di riso. Alcune autorità alimentari ritengono che l’incidenza della frode sul riso sia in realtà molto più elevata di quanto riportato “, ha affermato McBride.

Come vengono taroccati

Le forme di riso incline all’adulterazione sono riso integrale, riso lucido, farina di riso, torta di riso e olio di crusca di riso, ha osservato McBride. I tipi più comuni di adulterazione nel riso includono: Sostituzione di tutto o parte del riso premium con qualità inferiore, riso a basso costo (ad es. miscelazione di riso basmati premium con altro riso di bassa qualità di aspetto simile). Sostituzione di una porzione di riso con altre sostanze (ad es. sostituzione del riso con palline di carta, o di patate dolci macinate per sembrare granelli di riso e persino resine plastiche.

Come funziona la tecnologia

McBride ha detto a FoodNavigator che il “primo livello” è un “dispositivo portatile rapido e portatile” basato sulla spettroscopia molecolare. Questo, ha spiegato, può essere usato per “scansionare rapidamente il riso”. Questa scansione raccoglie una “impronta digitale” spettrale e quindi cerca una corrispondenza all’interno di un “database di grandi dimensioni”, una libreria spettrale di impronte digitali. Se la scansione trova una corrispondenza, il riso può essere identificato. Il secondo livello è un sistema di laboratorio basato sulla spettrometria di massa. “Questo approccio è una tecnologia molto rigorosa che fornisce analisi chimiche dettagliate sul campione. Viene utilizzato quando si sospetta una frode per aiutare le autorità alimentari a comprendere la natura della frode in modo che possano fermarla “.