La trappola di Happy Black Vodafone: 1,99 euro al mese per un servizio non richiesto

Caro Salvagente, Vodafone mi ha attivato il servizio happy black al costo di 1,99 euro al mese senza una mia richiesta. Secondo loro non è possibile avere il rimborso perché risulta attivato tramite app anche se io l’app nei giorni precedenti non l’ho neanche mai aperta. Oltretutto pubblicizzano il servizio specificando che il primo mese è gratis. Non c’è modo di confermare la richiesta di attivazione. Quindi se involontariamente si clicca sull’apposito pulsante dell’app parte in automatico l’abbonamento e inviano solo un sms per avvisare che il servizio è immediatamente attivo. La Vodafone tramite operatore on-line (servizio toby) non indica quando è stata fatta la richiesta. A me sembra un illecito, anche se il costo è basso perché debbo subire?

Angela Abate

 

Cara Angela, troviamo davvero poco edificante che Vodafone utilizzi questo tipo di “trappole” per servizi a valore aggiunto e costringa gli utenti a percorsi tortuosi (non sempre efficaci) per uscirne. Abbiamo chiesto a Valentina Masciari, responsabile utenze dell’associazione Konsumer Italia, di spiegarci quali sono i diritti del cliente in casi come questi.

Vodafone Happy Black, è una iniziativa di Vodafone lanciata da Aprile 2019 ed attivabile sia dai già clienti, sia dai nuovi, al costo di € 1,99 al mese, quota che viene scalata dal credito residuo o addebitata in fattura, per i clienti abbonamento. Il primo mese è effettivamente gratuito, per chi si è iscritto entro il 31 maggio 2019,  e si ha diritto, attivando tale servizio, a sconti, offerte ed iniziative messe ogni mese a disposizione dai vari partner Vodafone; c’è anche la possibilità di partecipare ad alcuni concorsi a premi e infine si hanno a disposizione Giga illimitati sulle mappe.

Il servizio è attivabile tramite App My Vodafone o presso i punti Vodafone, indicando il numero della sim . In genere entro 72 ore, viene attivato il servizio e  si riceve un sms di conferma.

Happy Black può essere disattivata chiamando il 42070 oppure accedendo alla sezione Fai da Te del sito di Vodafone.

Come succede troppo spesso per questi servizi, attivarli è sempre estremamente semplice; molte volte solo sfiorando l’App si attiva qualcosa che comporta dei costi, perché purtroppo, non viene mai inserito il meccanismo della doppia conferma, cioè chiedere al cliente se effettivamente vuole procedere con l’attivazione di quel determinato servizio a pagamento. Quando si tratta di disattivarli, invece la visione cambia, basta guardare le procedure a ostacoli previste…

La signora Abate, anche se effettivamente non ha richiesto questo servizio,  avrebbe comunque dovuto ricevere un sms di avvenuta attivazione e quindi, avrebbe potuto/dovuto procedere subito con la disattivazione.

Credo poi, che se non ha usufruito del primo mese gratuito, è perché magari lo ha attivato, incosapevolmente o meno, dopo il 31 maggio.

Ad ogni modo, se effettivamente non è stata seguita la procedura prevista per l’attivazione e la signora si è ritrovata con un servizio non richiesto, visto che ha già contestato l’evento, consiglio di procedere con la conciliazione paritetica, perché questi aspetti, ancora troppo diffusi nei gestori telefonici, di attivare servizi a pagamento in realtà non desiderati, con “estrema facilità”, va sempre combattuta.