Carpe e pesci siluro contaminati venduti in tutta Europa: sgominata una rete criminale

Quasi un anno di indagini e la cooperazione delle autorità di sei paesi europei. Tanto è servito per sgominare una presunta organizzazione criminale che vendeva pesce da acque contaminate e pescato in zone proibite e con tecniche illegali.

Il pesce era stato trasportato in diversi paesi UE in condizioni per di più improprie e non igieniche, per poi essere venduto alle compagnie rumene.

L’inchiesta, coordinata da Eurojust ha prodotto 250 perquisizioni, l’arresto di 13 persone, il sequestro di 11 imbarcazioni e 30 tonnellate di pesce contaminato sul mercato rumeno. L’Autorità sanitaria rumena ha distrutto tutti i pesci sequestrati stimati per un valore di oltre 100mila euro.
850 agenti di polizia, tra cui la Guardia di Finanza italiana, la Policía Nacional spagnola, e l’Ufficio centrale della gendarmeria nazionale della Germania centrale hanno partecipato all’operazione .

I membri del presunto gruppo criminale organizzato erano ex pescatori. Il pesce, siluri e carpe pescati nelle zone più remote del fiume Ebro in Aragona e nei bacini di Saragozza e Huesca, in Spagna, era stato venduto a società rumene costituite come società di marketing che ottenevano i permessi di pesca e i codici IVA per le operazioni, ma non le autorizzazioni sanitarie obbligatorie per il commercio di prodotti di origine animale.

I funzionari dicono che i sospettati hanno usato fatture false e altri documenti falsificati per rivendere il pesce in Spagna, Francia, Italia, Ungheria, Portogallo e Romania.