Stampi in silicone, l’ultimo test svizzero li assolve da ogni sospetto

La buona notizia è che, nonostante i sospetti, gli stampi da forno in silicone sono tutti sicuri: nessuno cede silicone o altre sostanze che potrebbero rivelarsi pericolose oltre i limiti di legge. La cattiva, seppur parzialmente, è che tutti, anche se in dosi decisamente non preoccupanti, rilasciano un po’ di polimeri nel cibo che ci cuociamo.

L’ultimo test della rivista dei consumatori svizzeri Ktipp assolve questi contenitori da forno, dopo averli analizzati in laboratorio e aver valutato le cessioni dal materiale agli alimenti. Un risultato sensibilmente migliore rispetto a un analogo test francese dello scorso dicembre.

I modelli testati

Questi i 12 modelli analizzati e i giudizi assegnati dal mensile svizzero.

Molto Buoni: Cucina & Tavola, Pavonidea

Buoni:

Dr. Oetker, Tchibo, Lékué, Betty Bossi, Crofton, Silicone Zone

Sufficienti:

Ikea, RBV Birkmann, Scrap Cooking Topolino, Depot

Tutti promossi, dunque, anche se alcuni possono lasciare più tracce di silicone nell’impasto della torta rispetto ad altri. Nel test di cessione, le forme di Cucina & Tavola, Lékué e Betty Bossi hanno dato i risultati migliori: hanno rilasciato meno dello 0,1 percento di silicone durante la cottura. Circa quattro volte di più erano nella “forma a cuore in silicone” di Depot, che è finito all’ultimo posto.

I consigli d’uso degli stampi

  • Utilizzare solo prodotti contrassegnati con “adatto per il cibo” (simbolo sopra).
  • Prima del primo utilizzo, riscaldare lo stampo vuoto per un’ora a 200 gradi nel forno. Quindi pulire accuratamente e passare un piccolo strato di olio.
  • Risciacquare con acqua fredda prima dell’uso per aumentare l’effetto antiaderente. Non asciugare.
  • Posizionare lo stampo su una griglia o un foglio e quindi riempire con il contenuto per evitare che fuoriesca mentre lo mettiamo in forno.
  • Non riempire completamente l’impasto fino all’orlo. Agitare leggermente in modo che la massa possa fluire negli angoli.
  • La forma non deve essere riscaldata oltre i 200 gradi, anche se sono possibili temperature più elevate a seconda dell’del contenitore. Maggiore è la temperatura di cottura, più tracce di silicone possono depositarsi nella torta durante la cottura.
  • Non utilizzare utensili da cucina appuntiti: il silicone non è resistente al taglio.
  • Pulire lo stampo a mano o in lavastoviglie. Quando è molto sporco, non strofinare con la spugnetta, ma immergere in acqua tiepida.
  • Se la forma si sente un po ‘appiccicosa nel tempo, è meglio farla bollire in acqua salata per qualche minuto.