Mal di testa, primo Sì del Parlamento: “La cefalea è una malattia sociale”

La Camera ha approvato pressoché all’unanimità la legge che riconosce la cefalea come malattia invalidante. Ora il testo è atteso al Senato per l’ok definitivo. Soddisfatta Giuditta Pini, deputata del Pd e prima cofirmataria della legge: “Oggi è una giornata importante. L’approvazione alla Camera all’unanimità della legge che riconosce la cefalea come malattia sociale è il compimento di un lavoro durato anni. Ora mi auguro che il Senato approvi in tempi rapidi il provvedimento”.

Cefalea cronica e ad alta frequenza

Come verrà riconosciuta l’ “invalidità” in caso di emicrania cronica, che colpisce circa 4 milioni di italiane e 2 milioni di italiani? Il provvedimento, come spiega l’Ansa.it,  dispone l’accertamento della malattia, da almeno un anno, che ne attesti l’effetto invalidante tale da limitare, o compromettere gravemente, la capacità di far fronte agli impegni di famiglia e di lavoro. Le forme di cefalee riconosciute come malattia sociale sono l’emicrania cronica e ad alta frequenza; la cefalea cronica quotidiana con o senza uso eccessivo di farmaci analgesici; la cefalea a grappolo cronica; l’emicrania parossistica cronica; la cefalea nevralgiforme unilaterale di breve durata con arrossamento oculare e lacrimazione; l’emicrania continua. Il ministro della Salute dovrà emanare un decreto con i progetti per sperimentare modelli innovativi di presa in carico delle persone affette da queste forme di cefalea.

Fino a 500 euro per curare l’emicrania

Acquista qui il numero del Salvagente con lo speciale sul mal di testa

 

Nel numero in edicola del Salvagente dedichiamo un lungo approfondimento al “mal di testa” curato da Daniela Molina nel quale facciamo anche i conti su quanto costa curare per le tasche dei pazienti e per il bilancio pubblico le cefalee.

E allora cosa succederebbe una volta approvato, quali sarebbero i costi a carico del Servizio sanitario nazionale e quelli a carico del cittadino? Considerando che sul libro bianco dell’Istituto superiore della sanità, pubblicato a ottobre 2018, è riportato un costo dell’emicrania in Italia di 20 miliardi di euro all’anno, la questione non è di poco conto. E le valutazioni non sono finite: uno studio del 2015 (Berra e altri) ha riportato un costo diretto annuale totale per paziente con emicrania cronica di 2.250 euro, di cui circa il 94% a carico del Servizio sanitario nazionale e il rimanente a carico del paziente stesso. Un’indagine condotta più di recente e pubblicata dall’Istituto superiore di sanità ha invece stimato i costi annuali dell’emicrania in 4.352 euro a paziente. Così composti: 1.100 euro (25%) per le prestazioni sanitarie (compresi farmaci e trattamenti); 1.524 (36%) per perdite di produttività; 236 (5%) per assistenza formale (a pagamento); 1.492 euro (34%) per
assistenza informale. E mentre si attende il via libero definitivo dal Senato, i pazienti spendono ogni anno di tasca propria 464 euro per farmaci o trattamenti non coperti dal Servizio sanitario nazionale.