Agcom contro i servizi non richiesti: sì a doppio click e numero unico

Tutelare efficacemente i consumatori salvaguardando, al contempo, le aziende che operano nel mercato. E’ questo l’obiettivo del nuovo Codice di autoregolamentazione per l’offerta dei servizi premium adottato dall’Agcom. In particolare, il documento prevede il doppio click per evitare le attivazione dei servizi non richiesti e l’introduzione di un numero unico gratuito di Customer Care (800442299) grazie al quale l’utente può rapidamente conoscere i servizi premium attivi e, eventualmente, disattivarli.

Le misure adottate oggi sono il frutto di una sperimentazione iniziata lo scorso anno. Tra l’altro, come scrivevamo all’interno della stessa Autorità c’è chi pensa che il meccanismo del doppio click non è in grado di risolvere il problema delle attivazioni non richieste. Il doppio click, infatti, è facilmente aggirabile dai fornitori di contenuti fraudolenti tramite l’inserimento di pixel nascosti contenenti link all’interno delle pagine web che si visitano col cellulare. Basta cliccare leggermente accanto a link in evidenza per attivare in realtà un secondo consenso che si ha intenzione di dare. A quel punto, dimostrare in seguito che l’ok era involontario è veramente difficile. Così come Il Salvagente e le associazioni dei consumatori hanno proposto più volte, la vera soluzione sarebbe, così come al tempo fu fatto per i numeri telefonici a pagamento (144, 709, ecc ecc), quella di attivare di default una barriera contro i servizi a sovrapprezzo e disattivarla solo su richiesta esplicita dell’utente all’operatore. Oggi invece il procedimento funziona all’inverso, e molto spesso quando si richiede l’attivazione del barring, è troppo tardi: qualche furbo ha già sottratto soldi grazie al doppio click nascosto.

Nessuna perplessità, invece, sull’altra misura, ovvero l’introduzione del numero unico che semplifica le cose ma non risolve il problema principale: il rimborso dei soldi sottratti non è sempre garantito.