Gli antibiotici per cani e gatti possono far male anche al padrone

Negli Usa, il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc), dei 118 casi recenti di persone che si sono ammalate di un grave problema allo stomaco, almeno 101 avevano qualcosa in comune: il recente contatto con un cucciolo di un negozio di animali. Come racconta ConsumerReports, il batterio in questione è il campylobacter, che porta alla diarrea, ma il problema – questa volta – è stato che il passaggio da animale domestico a essere umano è stato di un ceppo in cui i i batteri erano resistenti agli antibiotici.

Il batterio resistente

Secondo il Cdc, circa 1 su 3 prescrizioni di antibiotici non sono effettivamente necessari, e l’assunzione di un antibiotico non necessario può portare a pericolosi effetti collaterali e contribuisce allo sviluppo di batteri resistenti agli antibiotici che possono causare gravi malattie e rendere meno efficaci gli antibiotici. Ma gli esperti di salute dicono che questo problema non è limitato agli esseri umani e agli animali da fattoria allevati per il cibo. In molti casi, anche animali da compagnia come cani e gatti ricevono antibiotici di cui non hanno bisogno. E i batteri resistenti agli antibiotici possono svilupparsi negli animali domestici, proprio come possono negli esseri umani.

Come si trasmette

I ricercatori hanno esaminato record su 149 cuccioli e hanno scoperto che a un certo punto del loro viaggio verso i negozi di animali, il 95% di loro aveva ricevuto uno o più cicli di antibiotici. Più della metà di quei cuccioli non erano malati quando hanno ricevuto le medicine. Maneggiare gli animali o ripulire gli animali è probabilmente ciò che ha causato l’ammalarsi di dipendenti del negozio di animali e di nuovi proprietari: il campylobacter può essere trasmesso attraverso il contatto con le feci infette.  Purtroppo, secondo i ricercatori, sebbene nella popolazione l’attenzione contro l’uso eccessivo degli antibiotici cresce costantemente, “Ciò che è stato trascurato è stata questa discussione sugli animali da compagnia”.

Le ricerche confermano: troppi antibiotici negli animali domestici

I dati sull’uso eccessivo di antibiotici negli uffici veterinari e negli ospedali non sono così robusti come per gli esseri umani, nei quali il problema è stato studiato per decenni. Ma gli esperti che abbiamo consultato hanno detto che proprio come nelle cliniche umane, gli animali domestici spesso ricevono antibiotici di cui non hanno bisogno. Uno studio del 2011, pubblicato sul Journal of Small Animal Practice, ha valutato un campione casuale di prescrizioni di antibiotici nei cani nel corso di un anno in un ospedale veterinario. Gli scienziati hanno scoperto che circa il 38 percento di tutte le prescrizioni di antibiotici sono state somministrate a cani che non mostravano evidenza di aver bisogno di un antibiotico, alcuni addirittura avevano risultati di test negativi per un’infezione batterica. Una volta che i batteri resistenti ai farmaci si sviluppano negli animali domestici, possono causare epidemie pericolose. Uno studio del 2016 sul Journal of Small Animal Practice ha rilevato che un focolaio di batteri resistenti agli antibiotici in un ospedale per animali israeliano ha ucciso 16 su 23 cani e gatti infetti.

 

Alcuni consigli per mantenere sano il tuo animale domestico

Puoi fare una serie di semplici passaggi per mantenere sani te stesso e i tuoi animali domestici. Ecco i consigli riportati da ConsumerReports, dopo aver sentito degli esperti.

Una linea guida per il trattamento delle infezioni del tratto respiratorio superiore in cani e gatti, pubblicata dalla International Society for Companion Animal Infectious Diseases, ad esempio, raccomanda che per i gatti, anche se un veterinario sospetta che l’infezione possa essere dovuta a un batterio, è meglio aspettare fino a 10 giorni per vedere se l’infezione si risolve prima di usare un antibiotico. E chiedi della possibilità di test diagnostici che potrebbero aiutare a identificare la causa della malattia del tuo animale domestico.

La cura preventiva è la migliore. Il modo migliore per ridurre i rischi degli antibiotici è quello di evitare che i tuoi amici pelosi si ammalino. Le vaccinazioni sono fondamentali. Inoltre, segui col veterinario qualsiasi possibile problema: le infezioni batteriche della pelle nei cani, ad esempio, sono di solito un risultato secondario di qualche altro problema, spesso un’allergia. Se riesci a curare efficacemente l’allergia sottostante, dice, poi riduci il rischio che il tuo cane si ammali più tardi.

Praticare una buona igiene a casa. Il lavaggio delle mani diligente è la chiave per prevenire le infezioni, sia negli animali domestici che nelle persone. Può sembrare estremo, ma il CDC consiglia di lavarsi le mani dopo aver toccato gli animali. Prestare particolare attenzione al lavaggio dopo la pulizia dopo di loro, in particolare raccogliendo le feci o scavando nella lettiera. Lavare settimanalmente gli animali domestici.

E cerca di limitare i tipi di contatto più rischiosi. Cerca di evitare i morsi di qualsiasi animale domestico e nota che i morsi di gatto hanno maggiori probabilità di causare infezioni rispetto ai morsi di cane, dice Bender.

Dai da mangiare agli animali una dieta sicura. Gli alimenti crudi per animali domestici possono essere contaminati da batteri come la salmonella, che può ammalare animali domestici e umani che maneggiano il cibo. Inoltre, “gli animali domestici che mangiano cibi crudi sono a maggior rischio di spargimento di batteri resistenti agli antibiotici”.