Unc segnala Apple All’Antitrust: dubbi su trucco per rendere i prodotti riparabili solo dalla casa madre

L’Unione Nazionale Consumatori ha depositato una segnalazione all’Autorità Antitrust su nuovi modelli di computer Apple che sembrano impedire ai consumatori di effettuare riparazioni al di fuori dei centri della stessa casa madre.

 

“Che sia un centro autorizzato o indipendente, il consumatore dovrebbe poter scegliere liberamente dove rivolgersi per la riparazione del proprio computer Apple, per motivi di fiducia, convenienza o quant’altro”, afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori in merito alla segnalazione depositata presso l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sui nuovi computer Mac di Apple.

Secondo informazione diffuse recentemente, infatti, Apple avrebbe installato su alcuni suoi prodotti un chip idoneo ad impedire le riparazioni da parte di tecnici diversi da centri autorizzati dalla casa madre. La stessa Azienda californiana ha confermato che, per motivi di tutela della sicurezza dei dispositivi, il chip renderà impossibili alcune riparazioni da parte di terzi “non certificati”.

“Va chiarito”, spiega Dona, “se da tale pratica derivi un danno per i consumatori e un vantaggio per Apple nel settore delle riparazioni, dove l’iniziativa potrebbe essere limitativa della concorrenza e della libertà di scegliere il soggetto riparatore a cui rivolgersi”.