L’inchiesta del Guardian: 106 lobby liberiste finanziate da Big tobacco

I thinktank del libero mercato di tutto il mondo forniscono una potente voce di sostegno ai produttori di sigarette nelle battaglie contro le più severe normative. A dimostrarlo è un’approfondita inchiesta del Guardian, secondo cui i gruppi organizzati di comunicatori (Thinktank, appunto) al servizio delle lobby del liberismo hanno avuto rapporti oscuri con Big tobacco.

Numeri impressionanti

Secondo il quotidiano britannico, almeno 106 thinktank  in 24 paesi ( tra cui non compare l’Italia) hanno accettato donazioni da compagnie del tabacco, discusso contro le politiche di controllo del tabacco richieste dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), o entrambe. I gruppi esaminati dal Guardian si sono opposti, in vario modo, al semplice confezionamento di sigarette, scritto ai regolatori a sostegno di nuovi prodotti del tabacco o promosso ricerche finanziate dall’industria. In un caso estremo, un think-think di base in Africa ha messo in dubbio se il legame tra cancro e fumo “dovesse ancora essere stabilito empiricamente”, prima di ritirare l’affermazione. Patricio Marquez, specialista principale delle pratiche globali di salute presso la Banca Mondiale, ha affermato che tale attività potrebbe avere un impatto sugli sforzi di sanità pubblica. I thinktanks “hanno creato un arsenale di prove al fine di influenzare il processo legislativo e decisionale”, ha affermato.
The Guardian ha esaminato una delle più grandi reti di thinktank indipendenti del mercato libero del mondo, organizzata da Atlas Network, un’organizzazione non profit con sede vicino a Washington DC ad Arlington, in Virginia, che sostiene di collegare “una rete globale di oltre 475 organizzazioni indipendenti della società civile in oltre 90 paesi alle idee necessarie per far avanzare la libertà”. In questa rete più di un quinto è intervenuta in qualche modo contro i controlli, ha preso donazioni industriali o entrambe le cose.

Le prove

Philip Morris International, British American Tobacco (BAT), Japan Tobacco, Altria e Reynolds American hanno tutti fatto donazioni ai thinktanks di libero mercato analizzati dal Guardian.  Negli Stati Uniti, la Heritage Foundation, il Cato Institute e Americans for Tax Reform hanno accettato tutte le donazioni dell’industria del tabacco e hanno continuato a commentare la politica sul tabacco. Nel Regno Unito, l’Adam Smith Institute e l’Institute of Economic Affairs hanno fatto lo stesso. Ad esempio, la Heritage Foundation ha accettato donazioni dal produttore americano Marlboro Altria nel 2012, 2013, 2014 e 2016. “Nel 2018 – scrive The Guardian – uno studioso della Heritage ha testimoniato davanti alla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti a favore del nuovo prodotto IQOS di Philip Morris International, che riscalda ma non brucia tabacco”.

La risposta dei thinktank

In risposta alle domande del Guardian, i thinktanks hanno affermato di essere “ferocemente indipendenti, non influenzati da alcuna donazione, e sostengono posizioni pro-business, bassa regolamentazione e fiscalità come parte di una più ampia filosofia del libero mercato”. Il Guardian aggiunge: “Alcuni hanno affermato di non essere contrari a tutti i controlli sul tabacco, hanno salutato con favore l’aumento delle sigarette elettroniche nei mercati più ricchi e hanno dichiarato di essere contrari alla tassazione “regressiva” delle sigarette che secondo loro colpisce solo chi ha un basso reddito”. A differenza dei lobbisti, i thinktank non sono obbligati a rivelare i loro finanziamenti. Tuttavia, il mondo del thinktank è stato sottoposto ad esame negli ultimi anni, quando sono venute alla luce donazioni da governi e società straniere.

La risposta dei produttori di tabacco

I produttori di tabacco hanno negato che ci fosse qualcosa di problematico sul comportamento dei thinktank che supportano le posizioni utili all’industria. Philip Morris International ha dichiarato al Guardian “le idee non sono in vendita”, una posizione riportata da altre compagnie del tabacco. “Abbiamo lavorato e continueremo a lavorare con organizzazioni accuratamente selezionate in tutto il mondo che condividono il nostro desiderio di promuovere politiche che producano miglioramenti significativi per la salute pubblica”, ha affermato PMI, il produttore di sigarette Marlboro. “È assolutamente ridicolo insinuare che il supporto di un’organizzazione porterebbe a un gruppo che intraprende azioni che altrimenti sarebbero fondamentalmente contrarie”. ” Japan Tobacco International ha dichiarato: “Vari gruppi in tutto il mondo condividono la nostra opinione secondo cui qualsiasi regolamentazione, legata al tabacco o meno, se non verificata e non provata, potrebbe avere effetti a catena molto negativi”. British American Tobacco ha dichiarato al Guardian: “Come molte altre aziende, sosteniamo organizzazioni che condividono le stesse idee su questioni importanti per la nostra azienda e i nostri consumatori. Altria, il produttore americano di sigarette Marlboro e donatore di dozzine di gruppi di esperti nordamericani, ha dichiarato: “Come la maggior parte delle grandi società, Altria e le sue società supportano e fanno parte di organizzazioni orientate alla politica incentrate su questioni che riguardano la nostra attività”.

Per consultare la mappa interattiva del guardian su thinktank e big tobacco, clicca qui.