“Ho acquistato una pancetta già ammuffita” Esselunga risponde a una nostra lettrice

Caro Salvagente, ho acquistato una confezione di cubetti di pancetta affumicata Esselunga nel punto vendita di Induno Olona, in provincia di Varese. La data di scadenza indica: da consumarsi preferibilmente entro il 01.12.2018. C’è ancora tempo. Peccato però che una delle due metà della confezione (ancora integra e conservata sempre in frigorifero) abbia la muffa. Anche evidente come dimostrano le foto che ho scattato. Non dispongo più dello scontrino d’acquisto. Cosa posso fare? Butto e basta o Esselunga può sostituirmela?

Lettera Firmata

Ovviamente, cara lettrice, basta portare a Esselunga la confezione per vedersene restituita una in stato igienico migliore o per avere il rimborso dell’acquisto. Abbiamo comunque chiesto alla catena di spiegarci come può accadere una cosa del genere su un prodotto non scaduto e ancora chiuso. E cosa fa Esselunga in questi casi.

Ecco come ci ha risposto.

 

Gentile Direttore, grazie per la segnalazione e per l’indicazione corretta data alla cliente.

In casi come questo infatti suggeriamo prima di tutto di riportare il prodotto in negozio che provvediamo a rimborsare.

Una volta in possesso del prodotto avviamo le nostre procedure di verifica ripercorrendo tutte le fasi del processo, dalla produzione al confezionamento presso il fornitore alla gestione del prodotto in vendita.

Si può ipotizzare che un microforo sulla confezione, causato ad esempio da un urto o schiacciamento della confezione stessa, abbia permesso l’ingresso di aria nel prodotto con conseguente formazione di muffa.