Disservizi, il report di Cittadinanzattiva: maglia nera alle tlc

L’accesso ai servizi non è uguale per tutti: se si vive in una “zona interna”, ad esempio, si avrà più difficoltà ad accedere alla banda larga rispetto a chi vive in una grande città. Non solo. Anche nei trasporti la differenza tra le aree del paese si fa sentire. La totale assenza dell’alta velocità o semplicemente di mezzi di collegamento idonei rende impossibile l’accesso ai mezzi di trasporto per milioni di persone. Nel settore bancario e finanziario, le disuguaglianze permangono molto evidenti in materia di conoscenza e di informazione, di accesso ai mutui, di possibilità di allocazione dei risparmi da parte di piccoli risparmiatori sforniti delle conoscenze riservate ai soggetti forti del mercato. I risultati sono contenuti nel XVII Rapporto Pet Servizi di Cittadinanzattiva, l’indagine con cui l’associazione fa il punto sulle 8067 segnalazioni ricevute dai consumatori nel 2017.

Il settore nel quale i cittadini hanno riscontrato una maggiore criticità è quello delle telecomunicazioni (28,3%), seguito dal servizio idrico (16,5%), dall’energia(15,5%), dalla Pubblica amministrazione (10,2%), dai trasporti e mobilità(9,7%) e dai servizi bancari e finanziari (8,2%).

In cima alla classifica delle segnalazioni, il settore delle telecomunicazioni dove le principali lamentele riguardano la contestazione delle fatture sia per il fisso che per il mobile (30%) e le problematiche legate a disdetta e recesso dal contratto (14%), entrambe strettamente correlate anche alle problematiche contrattuali (13,9%) e alle attivazione di servizi non richiesti (9,8%) se si pensa ai costi che queste malpractice messe in atto dagli operatori telefonici generano sui propri clienti sia in termini di disservizio, che di disagio economico. Per il cambio operatore (11,9%), i cittadini lamentano, soprattutto nel settore della telefonia fissa, la complessità delle procedure di migrazione da un operatore all’altro, i ritardi nel passaggio, i rimpalli di responsabilità tra i due operatori coinvolti.

Per leggere tutto il Rapporto, collegarsi  questo link