Telefonia, se il gestore non manda le bollette ma poi arriva la mazzata

Caro Salvagente,
ho un problema con il mio gestore di telefonia fissa che – nonostante ripetute segnalazioni di mancata emissione – non ha fatturato da maggio 2017 fino a marzo 2018. Ha difatti inviato un’ultima fattura di circa 349 euro comprendente 10 mesi di mancate bollette inserendo come motivazione “problemi tecnici” non meglio precisati. L’unica cosa che mi concede il gestore è la rateizzazione dei pagamenti ma credo sia poca cosa rispetto al disagio causato. Vorrei quindi sapere che tipo di indennizzo chiedere in prima istanza a loro e a quale delibera/normativa fare riferimento. Seguo spesso la vostra presenza a Mi Manda rai tre e colgo l’occasione per porgere distinti saluti.

Gianluca N.

Caro Gianluca abbiamo girato il tuo quesito a Valentina Masciari responsabile Utenze dell’associazione dei consumatori Konsumer Italia. Ecco la sua risposta:

Quando i gestori hanno problemi di mancata fatturazione, il cliente non ha alcuna arma – se non rateizzare – per sbloccare la situazione, se non cambiare gestore per ridurre al minimo il numero di fatture che riceverà in un’unica soluzione. È anche vero però, che per la telefonia, c’è l’incognita delle eventuali penali che si applicherebbero in caso di possibile recesso anticipato, fatto che costringerebbe il cliente ad aprire un contenzioso con l’operatore perché, è chiaro, che  la cessazione del contratto è stata provocata da una mancanza del gestore. Non c’è una disposizione precisa in tal senso; in genere nelle condizioni contrattuali di ogni gestore è stabilita la periodicità della fatturazione e quindi non è stata rispettata questa condizione.

Concretamente poi, trattandosi di somme dovute,  la rateizzazione senza interessi è l’unica cosa che riconosce il gestore al cliente, oltre sempre ad un indennizzo che dovrebbe essere automatico quando si verificano tali casistiche, ma l’indennizzo, dove riconosciuto, è ben poca cosa rispetto al disagio creato al cliente, consideriamo che, ad esempio, il cliente non ricevendo fatture, non riesce a capire cosa sta tariffando il suo fornitore e se quell’offerta è per lui ancora conveniente o meno.

Consiglio, infine,  di fare una segnalazione all’Agcom, perché è evidente che non si tratta di un episodio unico; in tal modo l’Autorità, una volta valutato il caso sottoposto, soprattutto se come credo non sia isolato, magari deciderà di intervenire per far correggere tale comportamento e sanzionare il gestore. Conviene sempre far emergere queste criticità, perché se tutti lo facciamo, assumiamo più forza.