Expo Consumatori, Truzzi: “Scommettiamo sulla crescita felice”

Fare il tagliando ai “consumatori” ma anche pensare a “un nuovo modello economico con una prospettiva consumerista” puntando sulla “crescita felice” che coniuga “rispetto ambientale e socialità umana”. È questa la scommessa che Assoutenti lancia con Expo Consumatori 4.0 che che da venerdì 11 a venerdì 13 maggio, all’Auditorium Parco della Musica di Roma, riunirà e metterà a confronto associazioni dei consumatori, imprese e sindacati, authority e politici, docenti universitari e società civile attorno al tema “Per una crescita felice, liberare i consumatori”.

“Colmiamo un vuoto progettuale”

Ricco di eventi, dibattiti, happening e workshop il programma della tre giorni – di cui il Salvagente è mediapartner – che si concluderà con tre importanti riconoscimenti assegnati ad altrettante personalità: Premio Costituzione e legalità; Premio Lotta alla contraffazione e Premio miglior testimonial Crescita felice. “A settant’anni dall’entrata in vigore della Costituzione e a 20 dalla 281/98, l prima legge sulla rappresentanza dei consumatori, è venuto il momento di ripensare il movimento consumerista e di colmare un vuoto progettuale del movimento consumerista”, spiega Furio Truzzi (foto) presidente di Assoutenti e patron della manifestazione.

Perché liberare i consumatori e sopratutto perché puntare sulla crescita? “Bisogna rimuovere tutte le negatività del mercato che ingabbiano il consumatore – spiega Truzzi – ovvero i monopoli, il telemarketing aggressivo, l’assenza di concorrenza, ma anche i cibi adulterati, la contraffazione e l’inefficienza della pubblica amministrazione”.

Recuperiamo un’ottica consumerista

Si parla in genere di decrescita felice, c’è voglia di andare controcorrente? “No tutt’altro – replica il presidente di Assoutenti –  c’è un modo che può crescere nel rispetto del consumatore e dell’ambiente. Vogliamo essere guidati da piccole stelle nella barbarie nottura del consumismo ovvero puntare su una mobilità e un’agricoltura sostenibili, non vogliamo far aumentare meccanismi diabolici ma cominciare a ragionare su un nuovo modello economico in un’ottica consumerista”.

“Valorizziamo il mezzo pubblico di trasporto”

Assoutenti, associazione che ha dato vita insieme ad altre a Rete consumatori Italia, da sempre si è caratterizzata per la tutela degli utenti dei servizi di trasporto e per la volorizzazione del settore pubblico. Ma cosa serve per migliorare l’offerta? “Un radicale cambiamento di paradigma: da una mobilità fondata sull’individuo a una basata sulla collettività. Per farlo serve uno sviluppo del mezzo pubblico di trasporto e la politica deve rendersene conto”. Ma non basta: “Vogliamo considerare in questo scenario anche la questione energetica e l’impatto ambientale: è venuto il momento che si fissi anche in Italia una data per mettere al bando i mezzi a combustione fossile come ha fatto l’Olanda dandosi il traguardo del 2025″.

Lotta alla contraffazione e cultura della legalità

Durante Expo Consumatori 4.0 verrà affrontato e dibatutto il tema della lotta alla contraffazione perché, aggiunge ancora Truzzi, “un capisaldo della crescita felice è il contrasto al mercato criminale e non può esserci sviluppo senza legalità“. Al dibattito “La contraffazione e il made in Italy” di venerdì 11 maggio alle ore 15 30 (Sala Teatro Studio) parteciperanno, con la moderazione de Il Salvagente, Loredana Gulino, DG Ministero dello Sviluppo Economico – UIBM, Claudio Bergonzi, INDICAM, Istituto di Centromarca per la lotta alla contraffazione, Salvatore Paiano,Comandante Nucleo Speciale Tutela Prop. Intellettuale GdF e Gianluca Di Ascenzo, Presidente CODACONS. Alle 16 30 andrà in scena “IO SONO ORIGINALE” Rap della contraffazione di Enrique Balbontin in collaborazione con MISE – Uibm. Lo spettacolo è gratuito fino ad esaurimento dei posti.