“Voi pagate, noi dimostreremo che l’alcool non fa male”, bufera sull’Agenzia della Salute Usa

Un enorme studio clinico che potrebbe fornire tutte le prove mediche necessarie per raccomandare il consumo di una bevanda alcolica ogni giorno come parte di uno stile di vita sano. Già di per se, questa notizia suona anche a distanza di migliaia di chilometri dagli Usa, come una farsa. Una farsa che diventa scandalo a leggere le pagine di inchiesta appena uscite sul New York Times, che documentano come nello studio “beffa” fosse coinvolto niente meno che il National Institutes of Health, l’agenzia governativa per la salute.

La scienza batte cassa

Il prestigioso quotidiano Usa ha scoperto le carte che dimostrano come due eminenti scienziati e un alto funzionario della sanità federale nel 2014 hanno lanciato il progetto durante una presentazione al lussuoso Breakers Hotel di Palm Beach, in Florida. E i membri del pubblico a cui veniva chiesto di contribuire a pagare per lo studio da 100 milioni di dollari non sembravano scelti a caso: erano tutti dirigenti di aziende di liquori.
Il programma governativo decennale è ora in corso, ha reclutato 7.800 partecipanti in 16 siti in tutto il mondo. Metà saranno chiamati ad astenersi dall’alcool. Al resto, sia uomini che donne, verrà detto di bere una dose di alcol al giorno. Nessun altro trial a lungo termine ha mai chiesto ai partecipanti di bere, tanto meno di bere ogni giorno. Gli scienziati seguiranno i due gruppi per sei anni in media per vedere se i bevitori giornalieri hanno meno infarti e ictus e minori probabilità di diabete e morte.

L’industria paga (e incassa)

Nel frattempo Anheuser Busch InBev, Heineken e altre società di alcolici stanno raccogliendo la maggior parte dei risultati, forti delle loro donazioni a una fondazione privata che raccoglie fondi per il National Institutes of Health.
Il N.I.H., è considerato uno dei centri di ricerca medica più importanti al mondo, investe ogni anno oltre 30 miliardi di dollari di denaro dei contribuenti nella ricerca biomedica. La stragrande maggioranza dei finanziamenti va agli scienziati esterni, il N.I.H. gestisce le sovvenzioni e fornisce supervisione.
Lo studio sull’alcol è supervisionato dall’Istituto nazionale per l’abuso e l’alcolismo degli alcolici, uno dei 27 centri di competenza del N.I.H. Entrambi gli enti negano di aver mai discusso la pianificazione dello studio con l’industria. Ma il quadro che emerge dalle e-mail e dai documenti ottenuti dal New York Times in base al Freedom of Information Act, nonché dalle interviste con ex funzionari federali è completamente diverso.

Soldi in cambio della benedizione

La ricostruzione del quotidiano mostra che l’istituto ha intrapreso una vigorosa campagna per corteggiare l’industria dell’alcol, pagando gli scienziati perché si recassero alle riunioni con i dirigenti, dove hanno tenuto dei colloqui suggerendo che i risultati dello studio avrebbero approvato come salubre il bere moderato.
Anzi, il dott. Kenneth J. Mukamal, professore associato di medicina presso la Harvard Medical School e ora ricercatore principale dello studio, e il dott. John Krystal, un neuroscienziato della Yale University, hanno perfino sostenuto che uno studio controllato randomizzato a lungo termine avrebbe potuto dissipare i dubbi persistenti sui benefici del bere quotidiano moderato.
“Una sperimentazione clinica definitiva rappresenta un’opportunità unica per dimostrare che il consumo moderato di alcol è sicuro e riduce il rischio di malattie comuni”, ha detto a una presentazione. “Questo livello di evidenza è necessario se l’alcol deve essere raccomandato come parte di una dieta sana.”
La raccolta di fondi potrebbe aver violato la politica del N.I.H., che proibisce ai dipendenti di sollecitare o suggerire donazioni, fondi o altre risorse destinati a sostenere attività. Per lo meno, la campagna è destinata a sollevare più domande sull’indipendenza degli investigatori e sull’integrità scientifica dell’enorme studio che ne è conseguito.
Le presentazioni, rivela il NYT hanno dato all’industria dell’alcol un’opportunità per visualizzare in anteprima il progetto di prova e controllare gli investigatori.