Il Vermont legalizza la marijuana (con il placet dei repubblicani)

L’Erba voglio, è il nome della nuova guida del Salvagente che fa il punto sui danni del proibizionismo, sulle proposte alternative e sul tipo di marijuana che i nostri ragazzi possono acquistare nelle piazze italiane. Prenotatela qui

Il Vermont è diventato il primo stato a legalizzare la coltivazione per l’autoconsumo di marijuana senza bisogno di alcun referendum. I maggiori di 21 anni possono coltivare e consumare piccole quantità, ma non venderle.
Il Vermont è il nono stato statunitense a legalizzare ma è il primo a farlo attraverso una legge.
Il disegno di legge firmato lunedì dal governo di Phil Scott, un repubblicano, depenalizza il possesso fino a un’oncia di marijuana (poco più di 28 grammi) e il consumo privato da parte di adulti di 21 anni. Justin Strekal, direttore politico dell’Organizzazione nazionale per la riforma delle leggi sulla marijuana, ha sottolineato il fatto che il disegno di legge sia stato firmato da un governatore repubblicano. “È davvero uno sforzo bipartisan e, alla fine, l’opposizione al proibizionismo è una questione bipartisan”, ha detto a Rolling Stone.
La nuova legge del Vermont non ha legalizzato le vendite di cannabis. Il governatore Scott ha detto che non firmerà una legge per stabilire un mercato legale della marijuana fino a quando la legislatura non avrà dato una risposta certa ai dubbi sulla sicurezza degli autisti e sulla prevenzione del consumo di marijuana da parte di bambini e giovani adulti.