Usa, i ristoranti dovranno indicare le calorie all’interno dei menù

L’incubo dei golosi si sta materializzando nei ristoranti statunitensi: I menù dei ristoranti dovranno riportare la tabella delle calorie accanto alle portate. A chiederlo è la Food and Drug administration, l’Agenzia per l’alimentazione Usa. L’Fda si è decisa ad intervenire dopo aver ripetutamente ritardato l’imposizione per i ristoranti di calorie e altre informazioni nutrizionali sui loro menu. il Centro per la scienza nell’interesse pubblico (Cspi) e la Lega nazionale dei consumatori avevano denunciato il ritardo come atteggiamento contrario con la legge, e dunque l’agenzia si è risolta di iniziare ad applicare la regola di etichettatura dei menu a partire da maggio 2018.

Una storia di ritardi

La regola, come riporta Consumerist, avrebbe già dovuto entrare in vigore nel maggio 2017, ma poi a pochi giorni dall’entrata in vigore, l’amministrazione Trump aveva rimandato sostenendo di dover ancora approfondire, nonostante l’Agenzia avesse raggiunto quella conclusione dopo 7 anni di studi. Dopo la denuncia delle associazioni, la situazione si è finalmente sbloccata. “Dal momento che gli americani mangiano più cibo fuori casa che mai, avere accesso alle informazioni sulle calorie è importante per i consumatori che vogliono mantenere un peso sano e ridurre il rischio di malattie legate alla dieta”, affermato il vicepresidente Cspi G. Wootan, notando che la maggior parte dei più grandi ristoranti della catena già prevede conteggi calorici sui menu e sulle tavole dei menu. I sostenitori della legge temono che le catene aggirino la disposizione pubblicando le calorie solo su menù presenti sul sito.