6 trucchi per riconoscere un gelato davvero artigianale

Non è facile trovare il dolce migliore tra le vaschette esposte da esercizi che giurano sulla naturalità o scrutando gli ingredienti dei prodotti confezionati. Alcuni semplici indizi, però, possono aiutarci a svelare i trucchi più comuni utilizzati da chi predilige materie prime a basso prezzo.

  • Occhio alle forme perfette

Il gelato esposto nelle vaschette delle gelaterie che si innalza a piramide e rimane in questa posizione per ore e ore all’interno delle vaschette nella vetrina espositiva non è certo un prodotto di qualità. Montagne di gelato così, sono troppo belle per essere… naturali e hanno spesso bisogno della chimica per rimanere tali (margarine, grassi idrogenati ecc…).

  • Blu, rosso e verde…

Guardate il pistacchio: lo vedete di un bel verde acceso? Bene, scartatelo, è certamente legato a una bella dose di coloranti. In generale, i colori sgargianti sono sintomo di un prodotto “truccato”, lontano dalla genuinità.

  • Mai la castagna d’estate

Avere cura nella scelta delle materie prima è la prima attività di un buon gelataio e passa soprattutto attraverso l’uso di frutti di stagione. Gusti che non seguono le stagionalità con molta probabilità vengono da coltivazioni in serre.

  • Odore e sapore

Il gelato di qualità ha un suo aroma che è percepibile prima dal naso e poi ovviamente, in bocca. Nei gelati di frutta il profumo è meglio identificabile rispetto alle creme (fiordilatte, pistacchio ecc.. ), perché quest’ultime avendo una percentuale di grassi superiore trattengono il profumo all’interno e rendono più difficoltosa la percezione all’olfatto.

  • Se non si scioglie c’è la chimica

Un gelato di qualità si deve sciogliere rapidamente al sole, specie alle temperature estive. Il gelato che non lo fa non è genuino e conta troppo sull’“aiutino” della chimica.

  • Se non vedo… forse è meglio!

Pozzetto o vaschette aperte? Generalmente una gelateria con i pozzetti (gelato non visibile al pubblico) ha una marcia in più dal punto di vista qualitativo rispetto a una gelateria con le vaschette aperte (gelato ben visibile dal pubblico) perché nel primo caso il gelato si mantiene a una temperatura costante e lontano da fonti di luce e quindi conserva a pieno le sue proprietà organolettiche.