Ogni lavaggio in lavatrice riversa in mare “fiumi” di microfibre

Lavare in lavatrice 6 chili di vestiti può produrre il rilascio di 137.951 microfibre (sotto i 5mm di lunghezza) in caso di tessuti misti cotone-poliestere, o di 728.789 microfibre in caso di tessuti acrilici. Queste particelle attraverso le fogne raggiungono il mare e vengono ingerite dalle larve dei pesci, entrando in una catena alimentare che finisce con l’uomo.

Lo sostiene una ricerca dell’Università britannica di Plymouth secondo la quale, una città come Berlino rilascia in microfibre ogni giorno l’equivalente di 540.000 buste di plastica.

L’allarme microfibre si aggiunge a quello che ha denunciato da tempo Greenpeace sulle microplastiche che finiscono in mare ed entrano nella catena alimentare attraverso i pesci. Il dossier “La plastica nel piatto, dal pesce ai frutti di mare” sottolinea come la produzione globale di plastica aumenti in modo esponenziale, erano 204 tonnellate nel 2002, 299 tonnellate nel 2013, e i nostri mari siano sempre più inquinati e la salute degli organismi marini sempre più a rischio.