Alitalia, Confconsumatori: i passeggeri hanno diritto di conoscere le sorti della Compagnia

“I passeggeri non dovranno subire travagli causati da Alitalia in termini di disservizi”. Confconsumatori segue con attenzione le vicende che riguardano la nostra compagnia di bandiera in un momento in cui chi ha deciso di partire per le prossime vacanze sta iniziando a prenotare i voli. Mara Colla, presidente dell’associazione, e Carmelo Calì, legale esperto del settore turismo e trasporti, si dicono preoccupati soprattutto per le recenti dichiarazioni rilasciate dal neocommissario Alitalia Luigi Gubitosi che ha detto: «L’obiettivo è che gli utenti non si accorgano di nulla».  Ma i passeggeri non sono le tre scimmiette che non vedono, non sentono e non parlano: ci auguriamo – fanno sapere dall’associazione – che queste parole significhino che i passeggeri non dovranno subire travagli causati dalla Compagnia in termini di disservizi.

I passeggeri, infatti, hanno diritto di conoscere e ad essi deve essere fornita la massima informazione senza nascondere nulla. Devono essere messi in condizione di accorgersi di tutto! I passeggeri devono avere il diritto e la possibilità, se vogliono, di rivolgersi a un’altra Compagnia, se la ritengono più affidabile.

«Le generiche rassicurazioni non ci convincono né soddisfano, – dichiarano Colla e Calì – perché l’esperienza passata di Alitalia ci consiglia di non fidarci. Chiediamo pertanto che ai passeggeri siano fornite specifiche e articolate informazioni che possano consentire loro di avere riconosciuto, nei fatti, quel diritto alla libertà di circolazione riconosciuto dall’ art. 16 della Costituzione».