Intermarchè non venderà più uova di galline in gabbia

Anche Intermarché – dopo Monoprix, Aldi e Carrefour – ha annunciato l’intenzione non vendere più le uova provenienti da galline allevate in gabbia. In Francia, l’obbligo di rendere riconoscibili i prodotti da galline allevate in maniera sostenibile, ha ridotto drasticamente il numero di galline in gabbia (codice 3)  e, di conseguenza, sono aumentati gli allevamenti a terra (codice 2), in esterno (codice 1) o biologici (codice 0). Nei supermercati e ipermercati, gli acquisti di non-codice 3 uova hanno così aumentato del 30% in cinque anni, con una accelerazione da 2013.

Di fronte a clienti sempre più attenti al benessere degli animali, i grandi nomi hanno deciso di adattare la loro offerta. Dopo Carrefour e Aldi, Intermarché e Netto marchi del gruppo Les Mousquetaires, lo scorso 9 gennaio, hanno annunciato  l’intenzione di interrompere la distribuzione di uova da allevamento in gabbie.
Un ritiro graduale che inizierà con la loro etichetta privata (Harvest) entro il 2020. La misura sarà poi estesa a tutti i loro fornitori entro il 2025 in modo che “gli agricoltori abbiano il tempo di adattarsi alle nuove esigenze e sviluppare metodi di coltivazione alternativi in ​​gabbie modificate “, ha detto il gruppo.