Addio Equitalia: sconto ridotto sulle multe ma in 4mila Comuni si pagano per intero

Sulle multe non pagate e diventate nel tempo una cartella esattoriale Equitalia lo “sconto” riguarderà solo gli interessi di mora (l’8% annuo) ma dalla rottamazione saranno escluse quelle elevate in oltre 4mila comuni italiani,  come Milano, Torino, Bologna, Firenze e Verona, che hanno da tempo lasciato Equitalia e hanno una propria società di riscossione. Sono queste le novità contenute nel decreto fiscale allegato alla legge di Stabilità, firmato dal presidente della Repubblica e atteso per la pubblicazione della Gazzetta Ufficiale.

La platea dei beneficiari si restringe

Sono oltre 20 milioni gli italiani che hanno pendenze con Equitalia e di questi il 53% vanta debiti inferiori ai mille euro. Per questi contribuenti si aprono le porte della rottamazione delle “pendenze” iscritte a ruolo dal 2000 al 2015: in altre parole dalle cartelli verranno tolti gli interessi legali (0,2% annuo), di mora (8%) e le spese di notifica (dai 5,88 euro in su). Si continuerà a pagare invece l’aggio (il compenso alla società di riscossione Equitalia che prenderà il nome di Agenzia delle Entrate – Riscossione) che è pari al 3% del dovuto se si salda subito altrimenti sale al 6%.

Al momento, ripetiamo, sono esclusi dalla rottamzione i contribuenti che risiedono nei comuni (oltre la metà, 4mila centri) che si sono staccati da Equitalia oppure non sono mai stati “convenzionati” e hanno una loro società di riscossione: in questi comuni pagherà per intero (interessi di mora inclusi) la cifra contestata.

Le pendenze escluse dalla rottamazione

Non verranno rottamate le cartelle esattoriali che riguardano:

  • recupero di aiuti di Stato alle imprese;
  • debiti legati alle sentenze della Corte dei Conti;
  • sanzioni legate alle condanne penali.

Sconto ridotto per le contravvenzioni

Dopo un duro braccio di ferro (multe rottamate sì o no) le contravvenzioni al codice della strada rientrano nel provvedimento ma con uno sconto molto ridotto rispetto alle altre cartelle (tasse, imposte e contributi previdenziali): verranno abbonati solo gli interessi di mora che scattano dal giorno in cui si doveva saldare la pendenza. Sulle multe si continuerà a pagare: l’aggio, gli interessi legali e le spese di notifica. Nei 4mila comuni, dove la riscossione è affidata a una società diversa da Equitlaia, invece si pagherà per intero (interessi di mora inclusi) la cifra contestata.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

I moduli e i tempi per aderire alla “rottamazione”

Le cartelle “scontate” sono quelle emesse dal 2000 al 2015 e la sanatoria non durerà in eterno. Vediamo i tempi.

  • Entro 15 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto fiscale, Equitalia dovrà pubblicare sul proprio sito e mettere a disposizione il modulo per la richiesta della rottamazione;
  • Da quel giorno (data di pubblicazione del modulo) il contribuente ha 90 giorni per aderire e dovrà presentare il modulo e la relativa documentazione fiscale;
  • Una volta ricevuta la domanda gli uffici di Equitalia avrannno 180 giorni di tempo per rispondere al contributente e accordare o meno la richiesta.

Si potrà pagare in un’unica soluzione oppure al massimo in quattro rate. Se il versamento anche di una sola rata viene saltato o arriva in ritardo si decade dal beneficio e si dovrà pagare l’intera somma, interessi legali e di mora inclusi.