Pensioni, ad agosto i rimborsi (per pochi)

Per i pensionati si avvicina il momento dei rimborsi: l’Inps ha emanato la circolare che spiega in dettaglio come pagherà ad agosto i soldi non versati a causa del blocco delle indicizzazioni delle pensioni per gli anni 2012-2013, deciso dall’allora governo Monti e recentemente “bocciato” dalla Corte Costituzionale.

La sentenza della Consulta ha portato al varo del decreto legge n. 65/2015 (ancora in attesa di conversione in legge) con cui il governo Renzi ha previsto rimborsi parziali (solo per le pensioni comprese tra 1.450 e 2850 euro lordi mensili) e per fasce di pensione (i rimborsi maggiori andranno a chi percepisce gli assegni più bassi). Molte le polemiche e le proteste di pensionati e associazioni.

Ora, la circolare Inps n. 125/2015 chiarisce le modalià applicative del decreto. In particolare prevede che il ricalcolo dell’assegno avverrà d’ufficio, per cui non occorre presentare alcuna domanda, a meno che a chiedere il rimborso siano gli eredi del pensionato nel frattempo deceduto: in questo caso, gli eredi dovranno presentare specifica richiesta di rimborso all’Inps per non perdere il diritto a riscuotere le somme dovute.

Secondo i calcoli dell’istituto, al pensionato cui – prima della sentenza della Corte Costituzionale – spettava un assegno di 1.500 euro lordi, verrà corrisposto un arretrato “una tantum” di 796,27 euro, che comprende sia gli arretrati relativi al biennio 2012-2013, che le successive rivalutazioni.

Dal 2016, poi, entreranno in vigore i nuovi coefficienti di perequazione che in base all’inflazione stabiliranno il valore degli assegni pensionistici.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente