L’esposizione al Bpa durante la gravidanza può causare asma nelle ragazze in età scolare

BISFENOLO

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Science Direct, l’esposizione prenatale al bisfenolo A (Bpa) può essere associata ad un alto rischio di asma e dispnea nelle ragazze in età scolare. Questo studio è stato condotto da un team di ricercatori dell’Istituto di Barcellona per la Salute Globale (ISGlobal) in Spagna.

“I nostri risultati sono in linea con quelli di studi precedenti, che hanno anche riportato che il bisfenolo A ha un impatto negativo sulla salute respiratoria durante l’infanzia” ha commentato Alicia Abellan, dell’Istituto per la salute globale di Barcellona e prima autrice dello studio, aggiungendo “Riteniamo che l’effetto possa essere dovuto al fatto che i bisfenoli possono attraversare la barriera placentare e interferire con il sistema respiratorio e immunitario del bambino durante la fase di sviluppo”.

Il bisfenolo e i suoi effetti sulla salute

I bisfenoli sono sostanze chimiche utilizzate per produrre plastica e resine che si trovano in diversi prodotti, tra cui bottiglie e giocattoli riutilizzabili. Il bisfenolo più comune è chiamato bisfenolo A (Bpa), che è un noto distruttore endocrino comunemente usato nei contenitori per alimenti. L’Agenzia europea per le sostanze chimiche (Echa) ha aggiunto questa sostanza chimica all’elenco delle sostanze “molto preoccupanti” nel 2017. Di conseguenza, alcuni paesi hanno imposto limiti al suo utilizzo e alcuni produttori stanno cercando di sostituire il Bpa con altri bisfenoli, non meno rischiosi.

Lo studio su 3mila bambini

Dopo aver analizzato i dati di oltre 3.000 bambini provenienti da sei paesi europei (Spagna, Francia, Grecia, Norvegia, Paesi Bassi e Regno Unito), i ricercatori hanno scoperto che l’esposizione al bisfenolo A durante la gravidanza causa problemi respiratori più avanti nella vita.

I campioni di urina raccolti tra il 1999 e il 2010 hanno rivelato che il 90% delle madri in gravidanza aveva livelli elevati di Bpa. I restanti bisfenoli studiati erano meno prevalenti quando sono stati evidenziati in questi campioni. L’unica eccezione erano i Paesi Bassi, dove le madri avevano anche livelli elevati di altri bisfenoli, incluso il bisfenolo F nel 40% dei campioni e il bisfenolo S nel 70%. Gli autori ritengono che ciò sia probabilmente dovuto a una precoce messa al bando del bisfenolo A in quel paese, sostituito da sostanze chimiche meno pericolose.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

Anni dopo, i ricercatori hanno raccolto dati sulla salute respiratoria dei bambini. Combinando i risultati, il team ha trovato un legame tra i livelli di Bpa nelle madri durante la gravidanza e l’incidenza di asma e respiro sibilante nelle ragazze in età scolare: un doppio aumento della concentrazione di bisfenolo A ha comportato un rischio maggiore del 13% di sintomi respiratori .