Ffp2 obbligatorie in bus, cinema, teatri e stadi… ma quanto funzionano?

FFP2 MASCHERINE

Dal 25 dicembre le mascherine Ffp2 sono diventate obbligatorie su tutti i mezzi pubblici, oltre che per entrare in cinema, teatri e stadi. È necessario poi indossarle sui mezzi di trasporto a lunga percorrenza come treni o aerei. È quanto prevede il decreto entrato in vigore proprio il giorno di Natale. Dunque niente chirurgiche sul bus, se non volete rischiare una multa minima di 400 euro.

Ma che differenza c’è tra una chirurgica, una Ffp2 e una Ffp3? Facciamo chiarezza

Chirurgica, Ffp2 O Ffp3?

Le mascherine chirurgiche, a causa anche della minore aderenza al viso, nascono più per proteggere l’altro che se stessi. Tuttavia, in ambienti in cui tutti le indossano, sono ritenute efficaci anche per quest’ultimo scopo. Le Ffp2 e Ffp3, invece, per ergonomia e capacità filtrante di particelle fini, vanno sempre indossate in ambienti chiusi in presenza di contagiati o probabili tali.

FFP2

Le mascherine chirurgiche, secondo la norma Uni En 14683, oltre a quelle di tipo I prevedono altre due classi: quelle di tipo II e di tipo IIR. Queste sigle, che sono sempre indicate in etichetta (almeno sulle confezioni multiple) garantiscono nel primo caso una filtrazione batterica in uscita leggermente superiore (98%). Nelle IIR, oltre al 98% di filtrazione verso l’esterno, è garantita una resistenza meccanica agli spruzzi.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

Le mascherine facciali filtranti Ffp oltre alle categorie inserite nel grafico, prevedono anche quella delle Ffp1 che si fermano a un’efficienza filtrante dell’80%, considerata insufficiente come protezione nei confronti del virus Covid-19.

Mentre le Ffp2 sono obbligatorie per operatori sanitari che assistono individui infetti o potenzialmente infetti, le Ffp3 devono essere utilizzate da chi assiste individui infetti o potenzialmente infetti, in particolare durante manovre che producono aerosol.

 

Le mascherine comunitarie non avendo un minimo di filtrazione garantito, non sono ritenute una difesa efficace contro il Covid.