Ftalati, nuovo studio mette in discussione le soglie di sicurezza. Dalla cosmesi alle borse, dove si trovano

Gli standard normativi degli ftalati potrebbero non proteggere la salute delle persone. A dirlo è un nuovo studio che ha riscontrato impatti sulla salute a livelli di esposizione che sono 8mila volte inferiori ad alcuni limiti normativi nazionali e internazionali. La nuova analisi, pubblicata sulla rivista Environmental Health, sintetizzando dozzine di studi sull’uomo, ha tracciato associazioni significative tra l’esposizione agli ftalati e i problemi di tipo riproduttivo, dello sviluppo neurologico, comportamentale, ormonale e metabolico dell’uomo. Sostiene anche la necessità di rivalutare gli standard normativi con la scienza aggiornata. Come  scrive Environmental health news, che riporta la notizia, in quanto “gruppo di sostanze chimiche ampiamente utilizzate nell’industria della plastica per ammorbidire i prodotti in plastica, gli ftalati sono onnipresenti nella vita moderna. Dalle paperelle di gomma ai tubi da giardino agli hamburger dei fast food”. Studi sull’uomo e sugli animali hanno collegato gli ftalati a una vasta gamma di impatti sulla salute, inclusi problemi di nascita e riproduzione, sviluppo cerebrale compromesso, diabete e cancro. “Sappiamo che l’esposizione [a ftalati] è piuttosto ampia”, ha detto a EHN Maricel Maffini, consulente indipendente per la salute pubblica con sede negli Stati Uniti e autore principale del documento. “Stavamo cercando di capire se le dosi che i regolatori consideravano sicure per le persone a cui essere esposte sono ancora protettive”. Lo studio è stato finanziato dall’organizzazione no profit svizzera per la conservazione, dalla Fondazione Mava e dall’Ong Food packaging forum.

I 5 Ftalati peggiori

Lo studio  si è concentrato su cinque ftalati che Maffini chiamava “il peggior trasgressore”: benzil butil ftalato (BBP), diisobutil ftalato (DIBP), dibutilftalato (DBP), dicicloesil ftalato (DCHP) e bis(2-etilesil) ftalato (DEHP).

Le basi dello studio

Per indagare sugli impatti sulla salute, gli autori hanno estratto i dati da 38 articoli pubblicati in precedenza in cui è stato dimostrato che una qualsiasi delle cinque sostanze chimiche o dei loro metaboliti ha un’associazione statisticamente significativa con un esito sulla salute. Hanno quindi estrapolato il livello per ogni ftalato legato agli effetti nocivi per la salute e lo hanno confrontato con i limiti di sicurezza degli ftalati fissati dall’Agenzia europea per le sostanze chimiche, che propone regolamenti sugli ftalati alla Commissione europea, e dalla Commissione per la sicurezza dei consumatori degli Stati Uniti, il cui divieto di ftalati in gli Stati Uniti sono stati limitati solo ai giocattoli per bambini o agli articoli per l’infanzia.

La scoperta

I ricercatori hanno scoperto che per DBP, DIBP e BBP, i loro intervalli di dose stimati associati in modo significativo a eventuali esiti avversi per la salute erano tutti al di sotto dei limiti di sicurezza decisi dalle agenzie di regolamentazione. Mentre le assunzioni stimate più basse legate a un esito di salute significativo per DEHP, DBP, BBP e DIBP erano 0,03, 0,19, 0,06 e 0,08 microgrammi per chilogrammo di peso corporeo al giorno (μg/kg-pc/giorno), i loro limiti erano 35, 6.7, 500 e 8.3 (μg/kg-bw/d) rispettivamente, che rappresentano una discordanza fino a 8.000 volte tra i dati empirici e ciò che gli organismi di regolamentazione consideravano sicuri.

Cosa non funziona nelle normative

Secondo il nuovo studio, attualmente, i limiti di sicurezza per gli ftalati sono stabiliti da agenzie di regolamentazione nazionali o internazionali in base ai loro effetti mostrati attraverso studi sulla salute riproduttiva maschile in modelli animali. Tuttavia, gli autori affermano che queste decisioni normative potrebbero non proteggere i consumatori da altri effetti sulla salute umana, che potrebbero non essere presi in considerazione durante il processo decisionale e possono verificarsi al di sotto dei limiti di sicurezza. “Dovremmo tornare indietro e dare un’altra occhiata se i livelli di sicurezza da uno scopo normativo sono ancora sicuri”, ha aggiunto Maffini.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

“Penso che sia davvero un ottimo studio e molto tempestivo”, ha detto a EHN Lariah Edwards, uno scienziato della salute ambientale che studia gli ftalati alla George Washington University ma non è stato coinvolto in questo studio, riferendosi al fatto che l’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti sta attualmente esaminando il rischio per la salute per gli ftalati prima di stabilire i regolamenti.

Una lista di prodotti che possono contenere ftalati

  • Bambole
  • Maschere di carnevale
  • Animali di plastica
  • Macchinine
  • Giochi da bagno
  • Giochi gonfiabili
  • Giochi da spiaggia
  • Gomme e altri articoli di cancelleria
  • Contenitori alimentari
  • Pavimentazioni
  • Saponi per le mani
  • Shampoo
  • Smalto
  • Cosmetici
  • Borse
  • Latte intero
  • Panna
  • Carne (soprattutto quella grassa)