Come funziona la filiera della contraffazione del cotone

Compravano cotone da catene popolari come Walmart e Target, credendo di pagarlo caro per la pregiata qualità egiziana, e invece stava portando a casa un prodotto di caratura inferiore. Comincia con uno scandalo che ha messo in ginocchio un colosso del tessile, il lungo reportage che il Guardian ha dedicato alla contraffazione del cotone e di altri prodotti e dei metodi innovativi con cui si è risaliti la filiera alla ricerca del marcio.

Lo scandalo Welspun

Cinque anni fa, racconta il quotidiano inglese, “il colosso tessile Welspun si è trovato impantanato in uno scandalo imperniato su una sola parola: “egiziano”. All’epoca, Welspun produceva più di 45 milioni di metri di lenzuola di cotone all’anno, sufficienti per legare un nastro intorno alla Terra e avere ancora tessuto avanzato per un fiocco gigante”. Ha fornito biancheria da letto a artisti del calibro di Walmart e Target, e tra i più costosi c’erano quelli pubblicizzati come “100% cotone egiziano”. Per decenni, il cotone egiziano ha rivendicato la reputazione di essere il migliore al mondo, le sue fibre così lunghe e setose da poter essere filate in tessuti morbidi e lussuosi. Nell’etichetta di Welpsun, la parola “egiziano” era un vanto e una promessa”. Ma non ci si poteva sempre fidare dell’etichetta, si è scoperto. Nel 2016, Target ha condotto un’indagine interna che ha portato a una scoperta sorprendente: circa 750.000 delle sue lenzuola e federe in “cotone egiziano” Welspun sono state realizzate con un tipo di cotone inferiore che non proveniva affatto dall’Egitto. Dopo che Target ha offerto rimborsi ai suoi clienti e ha concluso la sua relazione con Welspun, gli effetti si sono propagati nel settore. Altri rivenditori, controllando la loro biancheria da letto, hanno anche trovato lenzuola Welspun che affermavano falsamente di essere cotone egiziano. Walmart, che è stata citata in giudizio dagli acquirenti che avevano acquistato i prodotti di “cotone egiziano” di Welspun, si è rifiutata di rifornirsi da Welspun. Una settimana dopo che Target ha reso pubbliche le sue scoperte, Welspun aveva perso più di 700 milioni di dollari dal suo valore di mercato.

I detective della filiera

Welspun non riusciva a capire cosa fosse andato storto, e non è stato facile risolverlo. “Il business del cotone è labirintico – scrive il Guardian – e le catene di approvvigionamento dei prodotti, che vanno dalla fattoria di origine allo scaffale del negozio, sono diventate sempre più complesse. Una maglietta venduta a Nuova Delhi potrebbe essere fatta di cotone coltivato in India, mescolato con altro cotone dall’Australia, filato in Vietnam, tessuto in stoffa in Turchia, seminato e tagliato in Portogallo, acquistato da un’azienda norvegese e rispedito in India – e questa è una catena di approvvigionamento relativamente semplice”. Per anni Welspun ha acquistato cotone grezzo, filati e tessuti interi, tutti affermando di essere di origine egiziana, da dozzine di venditori. La fonte del fiasco potrebbe essere stata un errore – una spedizione di filato di cotone etichettata erroneamente, forse – o potrebbe essere stata una frode deliberata da parte di qualche fornitore remoto. Nel bel mezzo della sua crisi, Welspun ha cercato una società di nome Oritain. Fondata nel 2008, nella città di Dunedin in Nuova Zelanda, Oritain è una sorta di agenzia investigativa forense, “un Csi della catena di approvvigionamento”. “Il suo lavoro – continua il quotidiano inglese – che ci porta nel cuore del commercio moderno, dipende da una verità fondamentale sul nostro pianeta. La Terra è così geologicamente diversa che, nel suolo o nell’acqua di un luogo, le concentrazioni precise di elementi spesso risultano essere uniche per quella regione. Quel singolare mix di elementi si fa strada anche nelle colture della regione, così che il cotone coltivato nel sud degli Stati Uniti ha una diversa combinazione di elementi rispetto al cotone egiziano – ogni combinazione distinta, come una firma”. Quando Welspun arrivò da Oritain, sulla scia del suo scandalo, era già troppo tardi per individuare con precisione dove fossero stati commessi gli errori. Il cotone scadente era passato attraverso le fabbriche di Welspun, era stato trasformato in lenzuola, venduto e ci aveva dormito. Quello che Welspun voleva era rassicurare i suoi rivenditori che una tale debacle non sarebbe potuta accadere di nuovo. Il personale di Oritain ha iniziato a viaggiare in Egitto, sparpagliandosi tra tutte le fattorie che rifornivano Welspun, raccogliendo “campioni principali” di cotone e mettendoli in sacchetti di plastica trasparente. Poi hanno fatto lo stesso negli Stati Uniti, in Australia e in ogni altro paese da cui Welspun proveniva il cotone. L’intero sforzo è durato sei mesi, ha detto Rupert Hodges, responsabile commerciale di Oritain, e ha portato a decine di migliaia di campioni master.

Risalire la china della credibilità

Usando questi per il confronto, Oritain poteva autenticare le balle, il filato e il tessuto di Welspun per assicurarsi che nessuno stesse scambiando un tipo di cotone con un altro. Facendo la spola tra i vari livelli remoti di fornitori, spedizionieri, commercianti e fabbriche, Oritain ha campionato e testato e campionato e testato, per garantire che ogni pezzetto di cotone mostrasse le firme elementari della sua origine – quel cotone che affermava di provenire da un egiziano fattoria proveniva davvero da quella fattoria egiziana. Era un modo per rendere la filiera più a tenuta stagna, più affidabile. Nel maggio 2021, Target ha accettato di ricominciare a rifornire i prodotti Welspun.

Dove il cotone di pregio si mescola con quello scadente

La provenienza del cotone è estremamente importante: l’augusto cotone a fibra lunga proveniente dai terreni neri e umidi dell’Egitto, così diverso dal tipo più grossolano e a fibra corta dello stato indiano del Gujarat. Allo stesso tempo, la lavorazione del cotone è un’attività complessa, che richiede così tanti passaggi in così tanti luoghi diversi che l’origine del cotone può facilmente essere oscurata. Quando il cotone raccolto viene prelevato, pulito e compattato – di solito con un grande “braccio” meccanico – il cotone proveniente da allevamenti diversi potrebbe essere imballato nella stessa balla. Negli Stati Uniti o in Australia, le balle sono etichettate con la loro area di origine, ma le etichette svaniscono durante quello che l’industria chiama “la posa”. “Quando trasformano le balle in filato”, spiega Hodges al Guardian, “depongono in genere 40 balle sul pavimento, in linea, e hanno una macchina che si muove in quel modo” – fende l’aria orizzontalmente con la mano – “ per tagliare la parte superiore di ogni balla. Tutto ciò viene poi trasformato in un filo spesso e da quello si produce un filo più sottile. ” Se balle provenienti da tutto il mondo vengono depositate in una fabbrica di filati, il loro cotone si mescola ulteriormente.

I problemi e gli alibi dei grossi marchi

Se la disposizione non ha reso anonimo il cotone, le fasi successive spesso lo faranno: fabbriche di tessuti che combinano filati di diverse fabbriche di filatura, negozi di taglio e cucito che uniscono tessuti di diverse fabbriche, miscela dopo miscela fino in fondo. Spesso, i marchi di abbigliamento conoscono solo l’identità dei mulini che li alimentano. “Il marchio potrebbe chiedere al cotonificio ‘Sei sicuro di acquistare filato di cotone egiziano? ‘“, continua Hodges. “E il cotonificio dice: ‘Sì, sì, abbiamo una certificazione dal filatore.'” Welspun utilizzava esattamente questo tipo di certificati di transazione: pezzi di carta emessi e aggiornati ogni volta che un pezzo di cotone passava attraverso una sorta di in lavorazione. Chiaramente, però, i certificati erano troppo facili da falsificare o manipolare. “Non vale la carta su cui è scritto”, ha detto Hodges. “Alcuni filatori non si preoccupano. Ed è troppo difficile scoprire tutti i posti in cui comprano il loro cotone”. Di conseguenza, secondo il Guardian, l’industria del cotone è soggetta a due categorie di shock. Il primo riguarda il cotone scoperto di qualità inferiore a quello pubblicizzato, come è successo con Welspun, forse a causa di un fornitore indifferente o doppiogiochista, o di disguidi nella catena di approvvigionamento. Il secondo tipo di shock riguarda le rivelazioni improvvise sulle persone che coltivano o lavorano il cotone – le condizioni in cui lavorano, o il modo in cui i loro diritti vengono violati – problemi che superano di gran lunga il disagio di dormire su lenzuola fatte di meno che- cotone superfino.

Gli schiavi dello Xinjiang

Recentemente, il mondo dell’abbigliamento è stato turbato dalle rivelazioni secondo cui il cotone dello Xinjiang, in Cina, viene coltivato e lavorato utilizzando il lavoro forzato. Lo scandalo ha coinvolto alcuni dei più grandi marchi del mondo, tra cui H&M, Nike, Adidas e Gap, e ha provocato sanzioni e restrizioni in Occidente sulle importazioni di cotone dello Xinjiang. Lo scorso agosto, non molto tempo dopo è partita la messa al bando degli Stati Uniti di tutte le importazioni contenenti cotone dello Xinjiang, e le autorità doganali statunitensi hanno chiesto a Oritain una dimostrazione pilota delle sue capacità di tracciamento del cotone. “Se le aziende che si approvvigionano di cotone dallo Xinjiang fossero a conoscenza di ciò che stava accadendo sul campo prima che diventasse pubblico è una questione aperta” aggiunge il Guardian. Ma secondo Laura Murphy, docente di diritti umani alla Sheffield Hallam University, il punto è un altro: “Quello che dovevano dire è: ‘Se non riesco a vedere da dove prendi il cotone’. t voglio fare affari con te’“. Quando alcuni marchi, come H&M, Muji e Zara, hanno espresso allarme per le rivelazioni, il governo cinese ha incoraggiato il boicottaggio paralizzante dei loro prodotti. In pochi giorni, Zara ha rimosso la sua dichiarazione critica dal suo sito web; Muji ha annunciato di non aver riscontrato problemi nello Xinjiang.

Negli Usa, severi controlli. In Italia?

Nei porti Usa, le autorità doganali ora ispezionano a fondo le importazioni, alla ricerca di eventuali prodotti in cotone che potrebbero provenire dallo Xinjiang. Qualsiasi spedizione sospetta viene trattenuta dalla dogana, ha affermato Andre Raghu, Ceo di HAP, una società di consulenza con sede a Boston che fornisce consulenza alle aziende sulle loro catene di approvvigionamento; l’azienda che importa i prodotti ha quindi tre mesi di tempo per fornire fasci di documenti che attestino l’origine del cotone. Se i documenti non provano in modo definitivo che le merci sono state fabbricate senza l’uso del lavoro forzato, il governo sequestra del tutto la spedizione. In Italia non risulta una selezione in ingresso così dura per bloccare il cotone frutto di sfruttamento dei lavoratori.